Fumare Erba Fa Diventare Gay? Sfatiamo una Leggenda sulla Cannabis


Fumare Erba Fa Diventare Gay? Sfatiamo una Leggenda sulla Cannabis

L'idea che il consumo di cannabinoidi possa modificare l'orientamento sessuale di una persona è in circolazione da parecchio tempo. Al giorno d'oggi, viene ancora sostenuta da coloro che si oppongono alla legalizzazione della cannabis. Ma sono solo chiacchiere. Tali affermazioni non hanno alcun fondo di verità. Sono notizie completamente false.

Esistono tantissime leggende metropolitane ridicole legate alla marijuana. Ad ogni modo, alcune di esse hanno uno speciale potere da zombie. Semplicemente, non riescono a morire.

Una di esse è l'idea che i cannabinoidi possano influenzare l'orientamento sessuale di un individuo. Tali dicerie parlano di varietà di cannabis che "fanno diventare gay".

Per un certo numero di consumatori, queste storie potrebbero inizialmente apparire piuttosto sconcertanti ed allarmanti. Ma ecco la buona notizia. Sono tutte fesserie. Non credete a queste voci, non esiste alcuna prova scientifica a loro supporto. Consumare cannabis non modificherà in alcun modo il vostro orientamento sessuale.

Attorno a quest'idea completamente sciocca circolano varie tematiche comuni. La maggior parte di esse è basata sulla premessa che "la cannabis fa male". Seguendo questo ragionamento, chi consuma erba si trasformerà in una persona "malvagia" o "immorale". Leggete la trama del film Reefer Madness. Senza contare le dichiarazioni pubbliche rilasciate da vari membri del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, sia in passato che ai giorni nostri.

Ma perché questa idea bizzarra è così fortemente consolidata? E perché le persone continuano a crederci?

GLI STEREOTIPI GENERATI DAL PROIBIZIONISMO SONO DURI A MORIRE

Gli stereotipi generati dal proibizionismo sono duri a morire

L'idea che "la marijuana fa diventare gay" in realtà è il risultato di vari concetti del proibizionismo uniti insieme. Una specie di lega anti-legalizzazione. Il primo concetto è che fumare uno spinello in qualche modo ti cambi per sempre. O ti renda una persona malvagia. O mentalmente instabile. Qui troviamo il primo punto di intersezione. Negli Stati Uniti, fino agli anni '70, anche l'omosessualità inizialmente veniva definita una "malattia mentale". Poi ovviamente, la scienza ha ampiamente demolito tale convinzione.

Il legame tra legalizzazione della cannabis e diritti degli omosessuali è molto forte anche a livello politico. Negli anni '80 questi stereotipi tornarono nuovamente in voga a causa del dilagare dell'AIDS. Questa malattia ovviamente colpiva soprattutto gli uomini gay. Inoltre, la comunità gay fece ben presto ricorso alla marijuana. L'erba infatti era il trattamento anti-virale e anti-nausea più efficace all'epoca. Gli uomini gay usavano una sostanza stigmatizzata per trattare una malattia discriminante. Ciò sicuramente non fu d'aiuto.

Negli anni '90, gli attivisti per i diritti degli omosessuali e i sostenitori della legalizzazione della cannabis unirono le forze e riuscirono a modificare la legge sulla cannabis terapeutica in California. Ma questa unione non durò a lungo.

Nei primi anni 2000, i diritti dei gay e quelli della cannabis divisero letteralmente a metà i vari Stati degli Stati Uniti. Ad esempio, il Colorado votò per rendere illegali i matrimoni tra individui dello stesso sesso. Poi, gli stessi elettori approvarono la legalizzazione della cannabis.

Da quando la legalizzazione ha iniziato davvero a prendere forma, soprattutto negli Stati Uniti, questa vecchia diceria è tornata alla ribalta. L'idea che "il THC fa diventare gay" è tornata ad aleggiare durante parecchie campagne elettorali nei vari Stati. Inclusa la Florida, uno degli Stati chiave più importanti e decisivi in ogni elezione nazionale di questo secolo.

DAVVERO NON ESISTE ALCUNA PROVA SCIENTIFICA CHE L'ERBA FACCIA DIVENTARE GAY?

Proprio così. Non esiste nessuna prova scientifica. I cannabinoidi non sono in grado di alterare le preferenze sessuali.

Esistono alcune prove che i cannabinoidi possano influenzare i livelli e la produzione di estrogeni, sia negli uomini che nelle donne. Tuttavia, ciò non ha fermato il flusso di storie terrorizzanti. La più famosa e recente? Fumare erba causerebbe ginecomastia - l'ingrossamento delle ghiandole mammarie nell'uomo. No, non è vero. E vi spieghiamo perché questa leggenda è ancora più insensata. I cannabinoidi e il sistema endocannabinoide aiutano a regolare le funzioni metaboliche dell'organismo.

La ginecomastia invece è provocata da uno squilibrio ormonale.

La cannabis può aumentare lo stimolo e il desiderio sessuale in entrambi i sessi, ma si tratta di una cosa ben diversa. È risaputo che mentre si consumano cannabinoidi si può sperimentare un maggior desiderio di esplorazione sessuale. Comunque, non esistono prove che fumare erba ribalti improvvisamente l'orientamento sessuale. E ciò vale sia per gli uomini che per le donne.

ERBA GAY E NOTIZIE FALSE

Erba gay e notizie false

La svolta più nuova e "stravagante" di questa leggenda metropolitana? La nascita di varie storie su delle fantomatiche "varietà di cannabis killer" che farebbero diventare gay le persone. Sono favole che circolano di tanto in tanto nei blog di internet. Spesso vengono collegate, soprattutto negli USA, alle campagne a favore della legalizzazione.

Una volta individuato l'errore però, tutte le altre incongruenze vengono subito a galla.

Il primo passo è controllare le credenziali delle persone che vengono citate. Contrariamente a quanto affermato nell'articolo, Michele Leonhart non è mai stata a capo delle operazioni dell'Agenzia Federale Antidroga (DEA) a Denver. Ha invece diretto la DEA durante il governo del Presidente Obama. È stata anche licenziata dopo essersi resa protagonista di numerosi scandali.

E, ovviamente, non esiste nessuna varietà di cannabis dal nome “HomoKush 69.”

In conclusione, forse è bene ricordare che non c'è nulla di male ad essere gay.

Ma la cannabis fa diventare gay? Giammai!