Come far germogliare i semi di cannabis


Come far germogliare i semi di cannabis

Tutto ha inizio con la germinazione. Questa fase essenziale del ciclo di vita vegetale non riceve purtroppo un'adeguata attenzione. Essa è importante quanto la fase vegetativa e quella di fioritura, se non di più! Dopotutto, se la germinazione non ha successo, la vostra potenziale piantagione non potrà attraversare nessuno dei passaggi successivi. Qualche coltivatore pensa che per la germinazione sia sufficiente lanciare i semi in un substrato e attendere qualche giorno per vedere spuntare la piantina. In certi casi questa tecnica può funzionare, ma esistono molti altri metodi per aumentare le possibilità di germinazione.

Quando si parla di germinazione, molti coltivatori spesso non tengono in considerazione tutti gli elementi in gioco. Alcuni forniscono acqua e oscurità al seme, ma la terra è un unico, grande organismo vivente, ricco di batteri benefici che favoriscono il processo di sviluppo. Ecco perché lo Starters Kit Royal Queen Seeds si distingue dagli altri metodi di germinazione (di seguito troverete ulteriori informazioni).

COS'È ESATTAMENTE LA GERMINAZIONE?

Prima di esaminare questi metodi, cerchiamo di comprendere meglio questo processo, osservando da vicino i meccanismi della geminazione. Ogni seme può essere considerato come un piccolo contenitore di materiale genetico, generato dalla riproduzione della pianta. Questi recipienti sono progettati per essere distribuiti nell'ambiente attraverso vari mezzi, ad esempio il vento e l'ingestione/deiezione da parte degli animali. Con un po' di fortuna, il seme sarà trasportato in un ambiente favorevole al processo di germinazione. I fattori ambientali essenziali sono temperatura, acqua e profondità raggiunta dal seme nel terreno. Ovviamente, tali parametri possono essere simulati ed ottimizzati dai coltivatori moderni, per aumentare le probabilità di successo.

In condizioni ideali, l'esposizione all'acqua attiva dei processi enzimatici all'interno del seme, stimolandone la crescita. Anche i batteri benefici presenti nel terreno favoriscono la germinazione, lo sviluppo e la fotosintesi della pianta. Prima di tutto dal guscio emerge una radice a fittone, che inizia a penetrare in profondità nel terreno alla ricerca di acqua. Poco dopo, il germoglio fuoriesce dal seme e si orienta in direzione opposta, verso la superficie, per iniziare la fotosintesi.

LA VITALITÀ DEL SEME È FONDAMENTALE

Se la germinazione avviene così facilmente in natura, sarà altrettanto semplice ottenerla indoor, giusto? Certamente sì—purché riusciate a ricreare le condizioni ideali. Tuttavia, anche se le condizioni ambientali sono perfette, un seme non vitale non germoglierà mai. Prima di provare a far germogliare un seme, è consigliabile sottoporlo a dei rapidi test per valutare il suo tasso di vitalità, in modo da non sprecare tempo ed energie. Consultate qui le varie tipologie di analisi, come l'esame visivo e il galleggiamento. Se il seme è vitale e sano, la germinazione dovrebbe avvenire nel giro di 12–36 ore.

RICREATE UN AMBIENTE IDEALE

Un altro fattore da tenere in considerazione prima di far germogliare il seme e dar vita ad una nuova pianta, è l'ambiente a cui saranno esposti. Cercate di mantenere la temperatura tra 22 e 25°C, con un tasso di umidità del 70–90%. Queste condizioni possono essere raggiunte usando una tenda per coltivazione o una mini-serra. Potete accendere un umidificatore per mantenere costanti i livelli di umidità, ed una stufa o una ventola per alzare o abbassare la temperatura. Controllate regolarmente il tasso di umidità e la temperatura aiutandovi con un igrometro.

COME FAR GERMOGLIARE I SEMI DI CANNABIS

Dopo aver capito come individuare i semi sani e vitali e aver creato un ambiente ottimale, è il momento di far germogliare i semi. È possibile scegliere tra diverse procedure, tutte ugualmente valide—se attuate correttamente.

PIANTARE IL SEME DIRETTAMENTE NEL SUBSTRATO FINALE

Sow Cannabis Seeds Directly

Uno dei metodi per far germogliare il seme è inserirlo direttamente nel substrato di coltivazione, che sia un vaso o un'aiuola. I semi di cannabis sono progettati per questa eventualità—in fondo, è così che sopravvivono in natura. Far germogliare il seme direttamente nel recipiente finale evita lo stress di dover trasferire la pianta in vasi progressivamente più grandi, un processo che può rallentare la crescita dell'esemplare e danneggiarne le radici.

Piantare il seme direttamente nel substrato finale comporta anche degli svantaggi. Infatti, con questo metodo si rischia di somministrare acqua o sostanze nutritive in eccesso nelle prime fasi di sviluppo della piantina. Il suolo può diventare saturo, e le giovani radici avranno difficoltà a penetrare nel terreno per stabilizzarsi. Inoltre, ciò può causare rallentamenti nello sviluppo e marciume radicale.

Se scegliete questo metodo, dovrete creare un buco nel terreno, profondo circa 1cm. Inserite il seme nella cavità e ricopritelo con la terra. Innaffiate l'area circostante, facendo attenzione a non esagerare.

AVVIARE LA GERMINAZIONE CON UN TOVAGLIOLO DI CARTA

Sow Cannabis Seeds in Paper Towel

La tecnica del tovagliolo di carta è umile ma altamente efficace per far germogliare correttamente il seme. I coltivatori usano questo metodo sui semi di qualsiasi specie di pianta. Per questo procedimento avrete bisogno di tovaglioli di carta non trattati chimicamente, acqua pulita, due piatti, una bottiglia con nebulizzatore ed un luogo caldo e privo di luce in cui conservare il seme.

Posizionate tre tovaglioli di carta su uno dei piatti, spruzzandoli leggermente di acqua. Adagiate i semi sui tovaglioli umidi, distanziandoli gli uni dagli altri. In questo modo eviterete che le loro radici si intreccino. Coprite con altri tre tovaglioli di carta e nebulizzate nuovamente. Collocate l'altro piatto sulla sommità, come un coperchio, per trattenere l'umidità all'interno.

Trasferite questa camera di germinazione improvvisata in un luogo caldo e buio, ad esempio una credenza accanto ad una fonte di calore. In alternativa, potete sistemare un tappetino riscaldante sotto il piatto alla base per creare un clima ottimale.

La velocità di germinazione dipenderà dalla varietà che avete deciso di coltivare. Alcune genetiche sviluppano una radice nel giro di 24 ore, altre impiegano alcuni giorni. Controllate i progressi dei vostri semi il giorno seguente e assicuratevi che i tovaglioli siano ancora sufficientemente umidi. Quando iniziate a notare le tracce della radice a fittone, trasferite il seme in un vaso. Create un foro profondo circa 1cm nel terreno e inserite il seme con la radice rivolta verso il basso. Innaffiate leggermente il suolo e aspettate che emerga il germoglio verde.

FATE GERMOGLIARE I SEMI IN UN BICCHIERE D'ACQUA

Un altro metodo semplice ed economico è quello di far germogliare i semi in un bicchiere d'acqua. Tuttavia, alcuni coltivatori affermano che questa tecnica offra basse probabilità di successo. Ad ogni modo, questa procedura vi permetterà anche di testare la vitalità dei vostri semi. Inseriteli in un bicchiere pieno d'acqua tiepida, e lasciateli immersi per una notte, in un luogo caldo e buio. Quando mettete i semi nel bicchiere, noterete che alcuni di essi galleggiano, mentre altri si depositano sul fondo. I semi che restano a galla sono i più vitali, e quelli per cui vale la pena investire la maggior parte del tempo e delle energie.

La radice a fittone dovrebbe spuntare dopo circa 24 ore. Trascorso questo lasso di tempo è consigliabile estrarre il seme dall'acqua, poiché potrebbe annegare. Tuttavia, ciò non compromette necessariamente la sua vitalità.

I VASI JIFFY E I CUBETTI PER LA GERMINAZIONE SONO OPZIONI STANDARD

I vasi biodegradabili Jiffy e i cubetti per la germinazione sono eccellenti metodi per far germogliare i semi. I cubi sono composti da un substrato che offre ai germogli un ambiente ideale, e possono essere usati quasi immediatamente. Spesso sono disposti in un vassoio, per risparmiare spazio e coltivare tutti i germogli in modo ordinato. I cubetti sono già umidificati e il coltivatore ha il solo compito di inserire il seme all'interno, nei fori predisposti. I vasi Jiffy sono realizzati con torba essiccata, e devono essere idratati prima dell'uso.

Per usare i cubetti di germinazione o i vasi Jiffy, è sufficiente inserire i semi nei fori sulla sommità, aiutandosi con un bastoncino di legno. Ricoprire poi il vassoio e posizionarlo in un luogo caldo, o sopra un tappetino riscaldante. Il principale vantaggio di questi dispositivi è che i cubetti/vasi possono essere piantati direttamente in un recipiente più grande o nel terreno. In questo modo le radici rimarranno intatte e la pianta non sarà sottoposta a stress.

I CUBI IN LANA DI ROCCIA SONO UN'ULTERIORE OPZIONE, ANCHE SE POCO RACCOMANDABILE

I cubi in lana di roccia hanno una funzione simile a quella dei vasi Jiffy e dei cubi per germinazione. Questi cubi sono allineati all'interno di un vassoio, ed offrono un ambiente umido e buio per la germinazione dei semi. Tuttavia, la lana di roccia non è un materiale particolarmente ecologico, poiché viene ottenuta da attività estrattive a temperature molto elevate. Di certo non è una scelta adatta per un coltivatore che usa metodi biologici.

LO STARTERS KIT RQS È SEMPLICE DA USARE E AUMENTA IL TASSO DI SUCCESSO

Che siate coltivatori alle prime armi, o esperti di giardinaggio, gli starter kit garantiscono un elevato tasso di successo e sono dotati di tutti gli strumenti necessari! Lo Starters Kit Royal Queen Seeds è stato progettato per fornire ai semi di cannabis un ambiente ottimale per avviare la germinazione e favorire lo sviluppo della pianta.

Il kit include i vasi per germinazione Easy Start disposti in vassoio e Bacto, un pacchetto che contiene un mix di batteri benefici per favorire lo sviluppo e la vitalità del germoglio. L'introduzione di biodiversità nel processo di germinazione è proprio ciò che contraddistingue questo metodo da altri, come i vasi Jiffy e i cubetti per germinazione, e offre alle piante una crescita ottimale fin dal primo giorno. Nel kit è compreso anche il Propagator Pro, un recipiente appositamente progettato per ricreare le condizioni ambientali ideali per i germogli. Nella confezione troverete anche perlite, lampada e 3 semi Critical RQS per avviare la vostra coltivazione.

COME USARE LO STARTER KIT RQS

1. Prima di tutto, versate il contenuto del pacchetto Bacto in 1 litro di acqua tiepida. Una volta dissolto, inserite i vasetti Easy Start nell'acqua, in modo che i batteri possano colonizzare il substrato.

2. Successivamente, collocate uno strato di perlite sul fondo del Propagator Pro. La perlite è una roccia vulcanica composta prevalentemente da vetro, in grado di assorbire efficacemente l'acqua. È quindi utile per mantenere alti i livelli di umidità. Dopo aver immerso i vasetti Easy Start, posizionate il vassoio sopra lo strato di perlite. Usate una matita o un cacciavite per allargare il foro presente su ciascun vaso, e inserite un seme in ciascuno di essi.

3. Per finire, posizionate il coperchio sulla mini-serra, per creare un ambiente scuro e umido. I vostri semi germoglieranno nel giro di 1–6 giorni.