Come conservare al meglio i semi Di cannabis


Come conservare al meglio i semi Di cannabis

Le domande più frequenti espresse dai coltivatori principianti sono legate ai semi di cannabis. Come possono essere conservati? Quanto dureranno se conservati correttamente? Manterranno le stesse qualità dei semi più nuovi?

Se conservati in modo adeguato, sì, potete ricavare ottime piante di cannabis da semi vecchi di decenni. E ovviamente potete farlo anche con semi vecchi di alcuni mesi. Alcune regole base da tenere a mente sono: conservare sempre i semi in un luogo asciutto e buio, e non lasciarli mai esposti alla luce diretta del sole.

Se i semi di cannabis sono conservati correttamente, in genere i coltivatori scoprono che la maggior parte di essi è ancora piena di vitalità anche dopo cinque anni. Molti coltivatori hanno persino coltivato un'eccellente marijuana con semi vecchi di 10 anni.

PERCHÉ È NECESSARIO CONSERVARLI CORRETTAMENTE

Utilizzando un appropriato metodo di conservazione, i semi di cannabis possono restare utilizzabili anche dopo 5-10 anni! La corretta conservazione dei semi è essenziale per vari motivi.

Chi ha appena creato una propria genetica di alta qualità, potrebbe voler conservare i semi per riprodurre la varietà.

Alcune persone vivono in zone in cui è presente un forte attivismo a favore della cannabis e in cui sono in atto varie riforme per la legalizzazione. Essi potrebbero decidere di tenere da parte i semi della loro varietà preferita in attesa di piantarli appena l'erba diventerà legale.

Qualunque sia la ragione per conservare i semi, ricordate che trattarli con cura è una delle cose più importanti che potete fare per il vostro futuro raccolto.

LA CHIAVE È L'AMBIENTE - FREDDO, ASCIUTTO & BUIO

I semi di cannabis dovrebbero essere conservati in un luogo fresco e refrigerato. Potete conservare i semi in freezer, in frigorifero, o anche in un armadio o in un cassetto. In ogni caso, è essenziale che li lasciate lì fino al momento di farli germogliare. Una brusca variazione di temperatura potrebbe distruggere l'integrità genetica dei vostri semi.

Inoltre, i semi non vanno mai esposti alla luce diretta del sole. Devono essere conservati in un luogo buio ed asciutto. Un eccesso di luce o di umidità può provocare una germinazione prematura. A livello ideale, l'umidità dovrebbe essere del 9% o inferiore.

VARI METODI PER CONSERVARE I SEMI

Se conservati solo per alcuni mesi, i semi di cannabis dovrebbero mantenersi bene anche all'interno di un sacchetto sigillato, inserito in un barattolo o in un contenitore ermetico.

Per una conservazione a lungo termine, la soluzione più utilizzata è un sacchetto sottovuoto. Molti "conservatori di semi" esperti preferiscono aggiungere un essiccante per alimenti al loro sacchetto.

Come citato in precedenza, ai semi occorre una temperatura bassa per non perdere la loro essenza. Questo obiettivo si può raggiungere con il freezer o il frigorifero. Comunque, se scegliete di tenere i semi in frigorifero, ricordate di posizionarli più indietro possibile. In questo modo non saranno esposti a sbalzi di temperatura quando lo sportello viene aperto.

È utile notare che in caso di semi congelati, ogni volta che li scongelate e ricongelate nuovamente, perderanno un po' della loro essenza vitale. Sia il freezer che il frigorifero possono produrre umidità in eccesso. Sono quindi metodi che vanno tenuti sotto controllo regolarmente.

Quando i semi di cannabis sono conservati in modo appropriato, molti coltivatori noteranno che sono ancora pienamente vitali anche dopo cinque anni. Molti coltivatori sono stati in grado di ottenere ottima cannabis anche da semi vecchi di 10 anni. Quando si tratta di cose naturali ed organismi viventi, non esiste una regola fissa. Proprio come gli esseri umani, le piante di cannabis (e i loro semi) trarranno sempre beneficio da un po' di cure ed attenzioni amorevoli.