È sicuro dare il CBD ai bambini?


È sicuro dare il CBD ai bambini?

Il CBD è usato da milioni di adulti come integratore per la salute. Ma gli adulti non sono l'unica fascia di età a cui il CBD può essere d'aiuto. È un fatto noto che bambini che soffrono di disturbi infiammatori, problemi neurologici e patologie convulsive, traggono benefici dal CBD in casi molto specifici. Ma a livello generale il CBD è sicuro per i bambini? Il fatto che questa molecola sia derivata dalla pianta di cannabis potrebbe essere sufficiente per scoraggiare molti genitori dal somministrarla ai loro bambini. Ma il CBD non è inebriante né psicotropo. Per di più, viene di solito ricavato dalla canapa industriale, una specie di cannabis che contiene quantità trascurabili del cannabinoide psicotropo THC.

Andiamo a scoprirne di più sul CBD e se sia accettabile darne ai bambini.

COSA È ESATTAMENTE IL CBD?

COSA È ESATTAMENTE IL CBD?

Il CBD è uno dei principali cannabinoidi presenti nella cannabis e nella canapa. La molecola non è psicotropa ed ha mostrato perfino di poter contrapporsi ad alcuni degli effetti psicologici del THC. Esistono abbondanti prove a corroborare le proprietà terapeutiche del CBD per patologie come crisi epilettiche, ansia, infiammazione, dolore ed altre.

Il CBD esercita i suoi effetti sull'organismo attraverso diversi meccanismi. Uno di essi passa per il sistema endocannabinoide, una serie di recettori disposti lungo il sistema nervoso, il sistema immunitario ed altre aree. Il CBD è compatibile con tale sistema grazie alla similarità molecolare con gli endocannabinoidi generati dall'organismo, che agiscono come molecole segnalatrici per il sistema endocannabinoide. Sebbene il CBD abbia scarsa affinità con questi recettori, riesce comunque ad esercitare un'influenza sul sistema, in parte bloccando i recettori CB1 ed incrementando i livelli sinaptici dell'endocannabinoide anandamide.

Il CBD si dirige anche su altri recettori dell'organismo, compresi i recettori della serotonina ed i recettori vanilloidi.

IL CBD È SICURO PER I BAMBINI?

Il fatto che il CBD non sia psicotropo l'ha reso un'opzione praticabile per bambini con determinate condizioni patologiche. In generale, non esistono enormi differenze fra il dare a un bambino un supplemento vitaminico o una dose di CBD. La molecola influisce su diversi processi fisiologici nonostante la mancanza di qualità stupefacenti, ed è per tale motivo che tanti adulti ricorrono a questo cannabinoide per gestire i propri sintomi.

Uno studio del 2018 esaminava la sicurezza a lungo termine del CBD in un gruppo di 607 adulti e bambini, scoprendo che il cannabinoide appare essere sicuro per i bambini. Malgrado un'ampia porzione dei partecipanti si fosse ritirata dallo studio per mancanza di efficacia ed eventi avversi, i soli effetti collaterali ad essersi verificati furono di minore importanza e consistettero in diarrea e sonnolenza.

Il CBD è disponibile in diversi formati. Molti adulti preferiscono assumere il CBD tramite vaporizzazione o tinture a base alcolica. Tali formati non sono idonei per i bambini, ma il cannabinoide è disponibile anche in formati adatti a loro, come caramelle gommose ed oli al CBD.

SINDROME DI DRAVET E CBD

Un esempio di come il CBD ha dimostrato di essere una medicina adatta a certi bambini appare evidente nei casi di sindrome di Dravet. Questa patologia rappresenta una forma grave di epilessia, che colpisce bambini di appena un anno di età. Comporta crisi convulsive associate a febbre, che finiscono per portare alla distruzione dello sviluppo intellettivo quando il bambino che ne è affetto raggiunge l'età di due anni. Altri sintomi sono la perdita di controllo sui movimenti muscolari, pelle fotosensibile e attività EEG abnormi.

I trattamenti convenzionali per questa patologia includono l'uso del farmaco anticonvulsivo Stiripentol. Un sito web governativo degli USA indica però anche il CBD come trattamento approvato dalla FDA, sotto il marchio Epidiolex; questo è approvato anche per il trattamento della sindrome di Lennox-Gastaut, altra forma rara di epilessia infantile.

Il video qui sotto documenta in dettaglio la sindrome di Dravet, e segue le storie di genitori e bambini che tentano di ottenere del CBD negli Stati Uniti.

STUDI RIMARCHEVOLI MOSTRANO GRANDI PROMESSE

Una ricerca pubblicata nel The New England Journal of Medicine comportava una sperimentazione del CBD per convulsioni resistenti ai farmaci nella sindrome di Dravet. Lo studio a doppio cieco, placebo-controllato, coinvolgeva 120 bambini e giovani adulti cui era stata diagnosticata questa patologia. I partecipanti erano divisi in due gruppi, ad uno dei quali venivano somministrati 20mg di CBD per chilo di peso corporeo, mentre l'altro riceveva un placebo. Entrambi i gruppi continuavano a ricevere un trattamento antiepilettico.

È stato scoperto che il gruppo a cui veniva somministrato il CBD sperimentava una maggior riduzione delle crisi su base mensile rispetto al gruppo del placebo. Incredibilmente, il 5% dei soggetti del gruppo del CBD si trovò completamente esente da crisi convulsive (rispetto allo 0% del gruppo placebo).

A parte le ricerche scientifiche di alta qualità, vi sono anche alcuni sbalorditivi resoconti aneddotici di bambini che col CBD hanno sperimentato risultati eccellenti riguardo alla sindrome di Dravet. Uno di questi casi è rappresentato dalla suggestiva storia di Charlotte Figi, nata nel 2004, che fece l'esperienza della sua prima crisi ad appena tre mesi di età. Alcune delle sue crisi arrivavano a durare diverse ore, e la patologia avanzò al punto che subiva 300 crisi del “grande male” alla settimana.

I trattamenti convenzionali avevano fallito e così pure alcuni metodi alternativi. Non fu fino a che Charlotte ricevette una preparazione a base di cannabis a basso THC ed elevato CBD, che la sua condizione migliorò. Le sue crisi calarono immediatamente di frequenza.

Attualmente, Charlotte cresce florida, e sperimenta 2–3 crisi al mese.

IL CBD È ADATTO PER IL VOSTRO BAMBINO?

IL CBD È ADATTO PER IL VOSTRO BAMBINO?

E dunque, il CBD appare essere sicuro, non psicotropo, ed effettivo per determinate patologie. Ma dovreste darlo al vostro bambino? Domanda a cui è difficile dare una risposta, ed è di competenza esclusiva di un esperto professionista della medicina. Informatevi presso il vostro medico per assicurarvi che la vostra decisione sia quella giusta e non somministrate mai CBD al vostro bambino senza l'approvazione di un medico.

Cannabis for kids: The children behind the debate (2015)