VIP della Marijuana: Seth Rogen


VIP della Marijuana: Seth Rogen

L'attore e cabarettista Seth Rogen è molto noto per il suo attivismo pro-cannabis, che spesso si mescola alla sua vita professionale. Questa è una delle ragioni per cui Rogen è diventato famoso: non ha mai nascosto il suo sostegno a favore della legalizzazione della cannabis. Forse ciò è dovuto al fatto che ha un passato da attore comico ebreo.

Oppure potrebbe aver conosciuto persone affette da patologie croniche. Qualunque sia il motivo, questo Millennial ha già ottenuto molta ammirazione per la sua posizione schietta a favore della legalizzazione.

Ultimamente, la popolarità del "Re Sballato della Commedia" è salita alle stelle, e non solo grazie ai passi in avanti nel processo di legalizzazione. High Times lo ha già nominato "Sballato dell'Anno" nel 2007, e il Time l'ha proclamato Re Sballato della Commedia nel 2014, all'età di 32 anni.

CHI È SETH ROGEN?

Molte persone conoscono già benissimo Seth Rogen. Negli ultimi 15 anni, si è trasformato da personaggio cult fattone e scansafatiche di Freaks and Geeks a figlio sballato preferito d'America.

Ma dove ha preso l'ispirazione questo VIP della marijuana?

Nato nel 1982 a Vancouver, Rogen ha assecondato la sua passione per la commedia già in tenera età. All'età di soli 12 anni ha affermato di voler usare il divertimento come stile di vita. Da quel punto in avanti, gran parte del suo humour si è basato anche sugli aspetti più divertenti dell'essere ebreo.

A 16 anni, ebbe il suo primo grande debutto. Entrò a far parte del cast dello show Freaks and Geek. La sua famiglia si trasferì a Los Angeles con lui per supportare la sua carriera. Ancor prima di avere l'età per prendere la patente, Seth era già in grado di mantenere economicamente i suoi genitori.

Il successo dello spettacolo, che debuttò nel 1999, gli offrì altre opportunità. Quando la serie Freaks and Geeks terminò nel 2002, Rogen trascorse un periodo di stallo. Durante questa fase, perfezionò le sue doti di autore televisivo. Infatti, il suo lavoro nel Da Ali G Show del 2004 gli aprì nuove prospettive. Insieme agli altri autori dello show, Seth ricevette una candidatura ai Primetime Emmy Award.

Tuttavia, la sua carriera iniziò davvero a decollare nel 2007. Gli Universal Studios lo ingaggiarono per il film Molto Incinta. Le previsioni di guadagno erano di circa $30 milioni di dollari. La pellicola incassò $219 milioni.

Oltre ad interpretare ruoli da sballato fumatore di erba, le sue commedie low-budget a tema cannabis come Strafumati e Facciamola Finita riscossero oltre $100 milioni di dollari nel giro di una sola estate. A tutto ciò, aggiungete il suo lavoro come doppiatore in film di animazione molto acclamati come Shrek 3 e Mostri contro Alieni. Non c'è da stupirsi che il suo patrimonio lordo si aggiri intorno ai $2 miliardi di dollari.

Da questo punto in poi, Rogen è sempre stato impegnato. Ha continuato a trovare lavoro come attore. Recentemente è stato elogiato per la sua brillante interpretazione del co-fondatore della Apple, Steve Wozniak. Inoltre, ha doppiato vari personaggi in film di animazione molto apprezzati dal pubblico. Ultimamente ha anche partecipato a progetti in veste di produttore esecutivo, come nel film The Green Hornet.

QUAL È IL LEGAME TRA SETH ROGEN E LA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS?

Rogen sostiene e promuove uno stile di vita sano. Dopo che sua suocera si è ammalata di Alzheimer, Rogen ha iniziato a parlare pubblicamente di questa patologia. È persino apparso insieme alla sua fidanzata Lauren Miller in una puntata speciale del Larry King show incentrata su questa malattia. Inoltre, ha testimoniato di fronte al Congresso per discutere della malattia di sua suocera.

Rogen ha anche avviato una campagna di beneficenza chiamata Hilarity for Charity, il cui scopo è quello di informare e responsabilizzare i Millennial sul morbo di Alzheimer.

Rogen ha espresso pubblicamente il suo supporto verso altre cause, inclusa quella dei diritti per gli omosessuali. Durante una sua apparizione su Conan, un talk show famoso negli Stati Uniti, ha anche dichiarato di essere "un'icona bear". In pratica, un modello maschile di riferimento per gli uomini gay che apprezzano i maschi particolarmente villosi.

Considerato il suo background, vi state ancora meravigliando del fatto che Rogen abbia affiancato il suo nome ad un'altra causa che gli sta molto a cuore?

In gran parte della sua vita professionale, Rogen è stato molto aperto riguardo il suo consumo di cannabis e il suo supporto a favore della sostanza. Tutti i suoi ruoli cinematografici hanno sottolineato il suo atteggiamento nei confronti dell'erba. Rogen è stato comunque molto perspicace, ed ha usato la popolarità dei suoi film per stimolare il dibattito sulla legalizzazione.

PERCHÉ IL SUO ATTIVISMO PER LA MARIJUANA È IMPORTANTE?

Rogen ha svolto un ruolo significativo nei mass media principali, normalizzando l'idea che un adulto possa sballarsi con l'erba. In una intervista del 2009 su Playboy Magazine, ha raccontato la sua esperienza negli Stati Uniti. Essendo canadese, non era preparato all'atteggiamento ostile nei confronti della marijuana, soprattutto in California, dove è stato arrestato per aver fumato uno spinello su una spiaggia di Malibu.

Nelle sue apparizioni pubbliche successive, ha raccontato la sua interazione con il sistema giudiziario, affermando: "È stata una cosa pazzesca. Vengono commessi almeno 400 omicidi... e questi poliziotti ci mettono un'ora per stilare il mio mandato di comparizione."

Quando nelle interviste gli rivolgono domande sul suo consumo di cannabis spudorato, Rogen affronta il problema in modo molto diretto. Questo comportamento di per sé è stato molto utile per normalizzare il concetto dell'uso di cannabis a scopo ricreativo.

L'approccio di Rogen è spesso controverso, ma è proprio questo atteggiamento a stimolare e ravvivare il dibattito. Secondo Rogen, il suo umorismo è una parte essenziale della discussione, anche perché molti aspetti della cannabis sono davvero esilaranti.

Un giornalista della CBS News gli ha chiesto se il processo di legalizzazione della marijuana avrà un effetto sul modo in cui il pubblico percepisce i film e le commedie legate al tema della cannabis. Rogen ha risposto che non è preoccupato. "La legalizzazione non renderà la marijuana meno divertente", ha dichiarato.

Rogen sarà forse il "Cheech" o il "Chong" della generazione attuale? Chissà. Di certo Seth Rogen non abbandonerà la sua fonte di ispirazione tanto presto. Sia nella vita privata, che in quella professionale.

Vai Seth!