Come preparare il latte alla marijuana


Come preparare il latte alla marijuana

Il latte è considerato da molti una parte essenziale della prima colazione di tutti i giorni. Rinomato per migliorare la densità ossea, ai bambini si sente spesso dire che un bicchiere di latte al giorno li aiuterà a crescere più forti e grandi. Sebbene tale ideologia rimanga ancora viva, da adulti si tende a non darle più grande importanza. Allora perché non provare ad aggiungere un pizzico di psicoattività (nel vero senso della parola) nel vostro latte con la varietà di cannabis più di vostro gradimento!

Avete mai pensato a quanto potrebbe diventare buono un frullato fatto con la cannabis? Ebbene, adesso potrete farlo seguendo questa ricetta incredibilmente semplice. Potrete berlo come un normale bicchiere di latte o usarlo per arricchire o cucinare qualsiasi altro piatto. Una volta fatto, il latte alla cannabis durerà il tempo di conservazione del latte usato. Sarà sufficiente leggere la data di scadenza sulla confezione. Spesso si sente dire che non bisognerebbe mai saltare la prima colazione, il pasto più importante della giornata. Ebbene, ora potrete ricevere anche un spinta di energia psicoattiva in più grazie alla cannabis.

Tra preparazione e cottura avrete bisogno di circa 1 ora, 1 ora e mezza massimo. Prima di iniziare con la fase di cottura, ci teniamo a sottolineare l'importanza dell'uso del latte intero. Durante la cottura, la cannabis si lega al grasso e il latte a basso contenuto di grassi non riuscirà mai ad essere così potente come il latte intero.

Avrete bisogno dei seguenti materiali per preparare il latte alla cannabis:

ATTREZZATURE

  • Setaccio e garza
  • Pentola di medie dimensioni
  • Spatola
  • Timer
  • Grinder

INGREDIENTI

Per quanto riguarda le quantità, considerate che per ogni ¼ di litro di latte alla cannabis prodotto dovrete usare circa la stessa quantità di marijuana che siete soliti mettere in una canna, e nella maggior parte dei casi si tratta di 0,5-1g di erba per ogni ¼ di latte. Se la vostra tolleranza verso la marijuana dovesse essere superiore, potete regolare le dosi di conseguenza.

PREPARAZIONE

  1. Macinate la vostra cannabis fino ad ottenere una polvere fine. Più fine sarà meglio sarà. Per cui potrebbe valer la pena usare un grinder di qualità. La cannabis macinata così finemente non solo si legherà meglio al latte grazie ad una maggiore superficie di contatto, ma lascerà anche meno residui al momento di filtrare il latte.
  2. Versate il latte intero nella vostra pentola di dimensioni medie e fatelo sobbollire, senza mai arrivare al punto di ebollizione. Mescolate lentamente con la spatola per evitare che il latte si bruci.
  3. A questo punto aggiungete la cannabis nel latte. Assicuratevi di mescolare accuratamente in modo da distribuire il meglio possibile tutta la marijuana. Lasciate sobbollire la miscela, mescolando ogni 15 minuti fino a vederla ribollire leggermente per almeno un'ora. Il nostro obiettivo è far sì che tutto il THC si leghi al grasso, per cui non lasciatevi trasportare dall'entusiasmo rischiando di toglierlo dal fuoco troppo presto. Assicuratevi che il calore non sia eccessivo ed evitate di far bollire tutto il latte.
  4. Trascorso il tempo indicato, lasciate raffreddare il latte. Una volta raffreddato, potrete filtrare la miscela di cannabis e latte attraverso il setaccio e la garza. In questo modo rimuoverete qualsiasi materia vegetale rimanente. Una volta colato, versatelo in un contenitore a chiusura ermetica ed ecco fatto il latte alla cannabis. Semplicissimo!