Quali Sono le Migliori Lampade per Coltivare la Cannabis?


Quali Sono le Migliori Lampade per Coltivare la Cannabis?

Quando si tratta di coltivare cannabis, c'è una cosa di cui non puoi fare a meno—la luce! Continua a leggere per una guida completa sulle lampade di coltivazione, i loro pro e contro e quale dovresti scegliere per le tue piante di cannabis.

Puoi avere la stanza di coltivazione più sofisticata del mondo, ma senza luce, le tue piante di cannabis non supereranno nemmeno la germinazione. La luce è un elemento fondamentale della coltivazione della cannabis, quindi è essenziale che tu sappia esattamente come dare alle tue piante la luce che meritano.

Per farlo, avrai bisogno di una lampada di coltivazione. Tuttavia, con dozzine tra cui scegliere, come fai a sapere quale sia quella giusta per il tuo spazio di coltivazione? Prima di dare un'occhiata alle diverse lampade di coltivazione, a come funzionano ed ai loro pro e contro, andiamo a ricapitolare sul motivo per cui la luce è fondamentale per la coltivazione della cannabis.

Perché la Luce È Importante per la Coltivazione della Cannabis?

L'importanza della luce si riduce ad una parola—fotosintesi. La fotosintesi è il processo utilizzato dalle piante per trasformare l'energia luminosa in energia chimica, aiutandole a crescere, resistere alle malattie, sintetizzare i nutrienti e, soprattutto, sviluppare cime dense e ricche di resina!

La maggior parte delle piante di cannabis sono fotoperiodiche e (in natura) fioriscono in base ai cambiamenti stagionali dell'esposizione alla luce. L'illuminazione indoor deve imitare queste condizioni: quindi, per quanto riguarda la copertura di luce, ti consigliamo di attenerti al seguente programma (ore di luce/ore di buio):

• Fase Semenzale: 20/4
• Fase Vegetativa: 18/6
• Fase di Fioritura: 12/12

Dato il tempo per cui dovrai tenere accese le luci dall'inizio alla fine, ti consigliamo di acquistare un'unità con costi di funzionamento che corrispondano al tuo budget. Più avanti, tratteremo di più sui costi operativi delle diverse lampade, ma per ora, andiamo a dare una rapida occhiata a un'altra considerazione critica—lo spettro della luce.

Che Dire dello Spettro della Luce?

I coltivatori possono incrementare la fotosintesi esponendo le piante di cannabis a diversi spettri di luce. Ovviamente, il trucco è sapere quali colori della luce visibile hanno un impatto sulla cannabis e quando. I sette colori di luce che compongono lo spettro visibile (tra 380 e 750nm) includono viola, indaco, blu, verde, giallo, arancione e rosso. La cannabis beneficia di due colori in particolare:

• Fase vegetativa: La cannabis preferisce la luce blu (400–500nm)
• Fase di fioritura: La cannabis preferisce la luce rossa (620–780nm)

La maggior parte delle lampade di coltivazione presenterà una selezione di colori dello spettro visibili e, in quel caso, non dovrai preoccuparti di questo. Tuttavia, alcune unità avanzate includono una funzione vegetativa e di fioritura che altera lo spettro in base all'impostazione scelta. Se scegli queste unità, assicurati di utilizzare l'impostazione giusta per massimizzare le rese.

Lampade di Coltivazione vs Lampade Regolari: Qual È la Differenza?

Anche se potrebbe essere una tentazione svitare una lampadina dalla stanza degli ospiti e posizionarla sopra le proprie piante di marijuana, le luci normali non saranno abbastanza efficienti. Abbiamo già evidenziato l'importanza della copertura e dello spettro della luce per la coltivazione della cannabis, ma dovrai anche tenere conto dell'intensità.

La maggior parte delle lampade normali imita la luce diurna naturale, non solo rendendole più deboli di una lampade di coltivazione (basso wattaggio), ma prive di uno spettro completo di colori visibili. Le lampade di coltivazione sono progettate specificamente per fornire le condizioni di cui le piante di cannabis hanno bisogno per prosperare. Avendo una potenza maggiore rispetto alle lampade normali, le lampade di coltivazione emettono una luce molto più brillante e più intensa che non solo guida la fotosintesi, ma penetra in profondità nella chioma della tua coltivazione di cannabis per una migliore esposizione.

Fidati di noi quando diciamo che, indipendentemente dal numero di lampadine standard che posizioni sopra le tue piante d’erba, non uguaglieranno mai l'efficienza e la potenza di una lampada appositamente progettata per la coltivazione.

Calcolo delle Rese in Base alla Potenza

Per sottolineare quanto sia cruciale la giusta luce per coltivare la cannabis, molti utilizzano un semplice calcolo che implica il wattaggio per stimare la resa finale della coltivazione:

• Ogni watt di potenza equivale ad un certo numero di grammi (di cime), a seconda delle specifiche della lampada da coltivazione.

Ad esempio, se acquisti una lampada da coltivazione a LED da 200W (ricorda di utilizzare il vero assorbimento di potenza), la resa finale dovrebbe essere di circa 100–360 grammi.

Resa Stimata per Lampada (Grammi per Watt)

• LED: 0,5–1,8g/watt
• CFL: 0,3–0,5g/watt
• HID: 0,5–1g+/watt
• LEC: 1,5g/watt

Questi calcoli non sono affatto una garanzia, poiché la resa finale dipende anche dall'abilità del coltivatore, dalle condizioni e dalla varietà. Considerali come obiettivi su cui lavorare.

Quali Sono le Migliori Lampade per Coltivare la Cannabis?

Con l'importanza della luce e, più specificamente, delle lampade di coltivazione progettate per coltivare la cannabis, è arrivato il momento di passare al nocciolo della questione di questa guida—i diversi tipi di lampade di coltivazione disponibili.

Tutte le lampade elencate di seguito sono pienamente in grado di coltivare cannabis di qualità, ma è importante che abbini la lampada di coltivazione alla tua configurazione e alla tua esperienza complessiva. Per trovare le migliori lampade di coltivazione per la tua configurazione dovrai comprendere le specifiche di ciascun dispositivo.

Lampade a LED per la Coltivazione della Cannabis

Le lampade di coltivazione a LED sono le ultime arrivate e stanno facendo scalpore nella scena della cannabis per il loro basso costo di funzionamento e risultati costanti.

Che Cosa Sono le Lampade di Coltivazione a LED?

Le lampade di coltivazione e LED (o diodi a emissione di luce) stanno diventando sempre più popolari per coltivare l'erba. I primi modelli delle lampade di coltivazione a LED non potevano eguagliare l'intensità delle opzioni tradizionali, ma la tecnologia è in continuo miglioramento e i LED si stanno dimostrando un'opzione formidabile.

Vale la pena notare che molti pannelli a LED includono un sistema di collegamento a catena, che permette di collegare le unità insieme per migliorarne il controllo, la copertura e l'efficienza. È anche comune trovare impostazioni di vegetativa e fioritura sui pannelli LED (LED a spettro completo), rendendoli una scelta versatile per coltivatori principianti ed esperti.

Lampade a LED “Spread-Style” per la Coltivazione

Le lampade a LED “spread-style” per la coltivazione includono alcuni modelli degni di nota, tra cui spread-style, rack e quantum (quantica). L'opzione più popolare rimane la quantica, che è sostanzialmente un grande pannello luminoso con LED sparsi sulla sua superficie. I pannelli quantici forniscono un'eccellente copertura grazie alle loro grandi dimensioni, ma tendono ad avere una potenza inferiore rispetto ad altri tipi.

Pannelli a LED Tradizionali

I pannelli LED tradizionali sono la controparte compatta delle unità spread-style che abbiamo appena menzionato. Usano la stessa tecnologia, ma favoriscono l'intensità alla copertura. I tradizionali pannelli LED sono anche i più comuni tra i coltivatori domestici di marijuana, in quanto offrono un'eccellente via di mezzo tra dimensioni, potenza e costo complessivo.

Lampade a LED “COB-Style”

Anche le lampade COB utilizzano una serie di LED più piccoli, ma questa volta sono raggruppati più vicini per dare l'impressione che un pannello sia composto da solamente 4–6 lampadine. Le lampade COB possiedono l’intensità più alta tra tutti i pannelli LED, ma a scapito dell'efficienza energetica. La penetrazione profonda della luce dei pannelli COB è ideale per diverse piante di grandi dimensioni, ma qualsiasi altro utilizzo potrebbe diventare problematico.

Che cosa sono le lampade di coltivazione a led?

I Vantaggi delle Lampade a LED per la Coltivazione

• Efficienza energetica (costi operativi complessivamente inferiori)
• Sono molto meno calde rispetto alle lampade tradizionali per la coltivazione
• Meno calore significa meno raffreddamento e problemi delle piante legati al calore
• Molti modelli possiedono un'impostazione per la fase vegetativa e di fioritura, per una soluzione di illuminazione a spettro completo
• Si possono configurare in modo rapido

Gli Svantaggi delle Lampade a LED per la Coltivazione

• Il costo iniziale delle lampade a LED è più alto rispetto ad altre lampade di coltivazione
• La qualità dei pannelli a LED varia in modo significativo
• Non offrono il massimo potenziale di rendimento (o almeno per ora!)
• La potenza pubblicizzata non corrisponde sempre al vero assorbimento di potenza

Lampade Fluorescenti per la Coltivazione della Cannabis

Le lampade fluorescenti sono un'opzione popolare per i coltivatori domestici perché sono economiche, facili da ottenere e ideali per ogni fase della coltivazione della cannabis.

Che Cosa Sono le Lampade Fluorescenti?

Se sei un principiante che sperimenta con la cannabis per la prima volta, le lampade per la coltivazione CFL e T5 sono una scelta eccellente. Esistono molti stili differenti tra cui scegliere e la maggior parte è disponibile nei negozi di ferramenta locali.

Le luci di coltivazione fluorescenti funzionano bene con la cannabis e varie altre piante, offrendo un rispettabile equilibrio tra la produzione ed i costi di funzionamento. Se dovessimo classificare le luci fluorescenti, sarebbero la miglior scelta versatile—non eccelleranno in nessuna area, ma non ti deluderanno nemmeno.

Lampade Fluorescenti Compatte (CFL)

Facilmente riconoscibili per via della loro forma a spirale, le CFL forniscono un'eccellente copertura della luce, intensità e basso calore. Sono facili da utilizzare ed economiche. Sebbene le CFL non garantiscano i migliori rendimenti possibili, sono affidabili.

Se accade il peggio e si rompono, si possono sostituire in modo facile. Anche se decidi di scegliere un'opzione più costosa dalla nostra lista, non fa male avere qualche CFL da parte.

Lampade di Coltivazione T5

Con un design tipo pannello, le lampade di coltivazione T5 sono ottime per le piante di cannabis dalla germinazione alla fase di fioritura. Tuttavia, proprio come le CFL, non offrono rese folli, ma sono affidabili. Anche le lampade di coltivazione T5 non produrranno una tonnellata di calore, consentendoti di posizionarle vicino alle piante senza il rischio di bruciarle. Un'altra ottima scelta per i coltivatori alle prime armi.

I Pro delle Lampade Fluorescenti per la Coltivazione

• Sono economiche da acquistare e gestire
• Emettono pochissimo calore
• Possiedono uno spettro luminoso ideale per la cannabis
• Sono adatte a piccole tende da coltivazione

I Contro delle Lampade Fluorescenti per la Coltivazione

• Forniscono rese complessivamente inferiori
• Hanno una scarsa penetrazione della luce (è necessario posizionare le luci vicino alla chioma)
• Non dureranno tanto quanto altri tipi di lampade di coltivazione

Lampade HID (High-Intensity Discharge) per la Coltivazione della Cannabis

Con le lampade ad alta intensità arrivano costi elevati e grande calore, ma probabilmente la massima resa possibile. Se vuoi davvero ottenere il massimo dalle piante di cannabis, non cercare oltre.

Cosa Sono le Lampade a Scarica ad Alta Intensità (HID)?

L'indizio sta nel nome. Tutti i tipi di lampade di coltivazione HID eccellono nel fornire luce ad alta intensità per le tue piante di cannabis. Questa intensità arriva completa di alcuni avvertimenti. Tuttavia, se riesci a mantenere le condizioni (ed i costi) in carreggiata, la tua ricompensa sarà un'abbondanza di cime succose.

È comune per i coltivatori utilizzare più di un tipo di lampade HID durante la coltivazione della cannabis, con alcuni tipi che sono più adatti alla fase vegetativa o di fioritura.

Lampade di Coltivazione a Ioduri Metallici (MH)

Più popolari per la fase vegetativa, le luci di coltivazione a ioduri metallici emettono una luce leggermente bluastra. Ovviamente potrai utilizzarle per l'intera crescita, ma durante le ultime fasi della crescita, i coltivatori tendono a passare alle luci di coltivazione HPS che troverai di seguito.

La differenza significativa con le lampade di coltivazione HID (comprese quelle agli ioduri metallici) è la necessità di componenti aggiuntivi, come i bulbi, i riflettori ed un ballast. È un ulteriore livello di complessità che può scoraggiare i principianti. Tuttavia, le lampade di coltivazione a ioduri metallici sono un pilastro tra i coltivatori poiché hanno anni di buoni risultati alle spalle.

Lampade di Coltivazione al Sodio ad Alta Pressione (HPS)

Anche le lampade di coltivazione HPS possiedono bulbi, un riflettore e un ballast. Tuttavia, la luce emessa è rossastra e leggermente più adatta alla fase di fioritura. Ma non preoccuparti: potrai facilmente utilizzare una lampada di coltivazione HPS per coltivare dal seme alla raccolta. La considerazione più importante con le luci HPS è il calore che emettono—è tanto!

Avrai bisogno di un modo per far uscire il calore dal tuo box ed è fondamentale posizionare la lampada in modo corretto per evitare di danneggiare le piante. Se soddisfi questi requisiti, le lampade HPS possono fornire rese importanti.

Lampade ad Alogenuri Metallici in Ceramica (CMH)/Light-Emitting Ceramic (LEC)

Le lampade di coltivazione LEC (lampade ad alogenuri metallici in ceramica) portano i vantaggi delle unità in stile HID standard, ma ad un livello superiore. A condizione che tu possa sostenere il costo iniziale (250–1000 €), sono più compatte, più durature e forniscono uno spettro di luce bilanciato.

Le lampade di coltivazione LEC hanno anche il massimo potenziale di rendimento (grammi per watt), rendendole un'opzione interessante per i coltivatori devoti. Emettono ancora molto calore, quindi non ti dimenticare di fornire un'adeguata ventilazione.

I Pro delle Lampade a Scarica ad Alta Intensità

• Il costo iniziale delle lampade a ioduri metallici e al sodio ad alta pressione è ragionevole
• Sono semplici da utilizzare
• Offrono un eccellente potenziale di resa
• I coltivatori di cannabis le adorano

I Contro delle Lampade a Scarica ad Alta Intensità

• Attrezzatura extra necessaria (bulbo, ballast, riflettore)
• Generano molto calore
• I bulbi HID hanno una durata limitata
• Hanno costi di funzionamento elevati

Suggerimenti sull'Uso delle Lampade per la Coltivazione della Cannabis

Puoi trarre vantaggio da diversi trucchi e suggerimenti per massimizzare la luce all'interno della tua stanza di coltivazione o box—senza dover spendere molti soldi su unità costose. Ove possibile, prova ad applicare i suggerimenti seguenti per dare alle tue piante la luce che meritano:

• Cerca di non toccare i bulbi (i residui delle tue mani possono diminuire la loro efficienza)
• Appendi le luci il più vicino possibile alla chioma senza danneggiare le tue piante di cannabis
• Mantieni l'attrezzatura in buone condizioni e assicurati di sostituire le lampadine quando è necessario
• Aggiungi materiale riflettente all'interno del tuo grow box o stanza per migliorare la copertura
• Aggiungi un riflettore alla tua lampada di coltivazione per massimizzare la copertura e l'intensità

Come Scegliere le Migliori Lampade per la Coltivazione della Cannabis?

Scegliere la miglior lampada per la coltivazione può sembrare una prospettiva scoraggiante, ma sappi che (nelle giuste circostanze) tutte le lampade che abbiamo elencato possono far crescere erba di ottima qualità. Anche la lampada di coltivazione a LED più economica ti darà un po' di rendimento: tuttavia, potrebbe non essere tanto quanto spereresti di ottenere.

I nostri suggerimenti per scegliere le migliori lampade di coltivazione includono:

• Se stai coltivando solo poche piante, scegli le CFL meno costose
• Se stai pensando a lungo termine, un'unità LED è un investimento utile
• I grandi spazi di coltivazione sono meglio attrezzati per sostenere le lampade di coltivazione HID (MH per la fase vegetativa ed HPS per la fioritura)
• Calcola i costi totali (iniziali e di mantenimento) prima di fare l’acquisto
• Mantieni le cose semplici: a meno che tu non sia un coltivatore esperto, usa la stessa lampada di coltivazione dal seme alla raccolta

Se dovessimo offrire un ultimo consiglio, è meglio peccare acquistando una lampada per la coltivazione più costosa rispetto ad una economica—anche se si tratta di una CFL standard. Puoi mantenere le cose economiche con quasi tutti gli aspetti della coltivazione della cannabis, ma la luce è un fattore su cui dovresti investire.