Intervista a Jorge Cervantes


Jorge Cervantes coltiva marijuana dagli anni '70 ed è famoso per i suoi libri e i suoi video sulla coltivazione della cannabis. Molti lo vedono come il primo guru della coltivazione e adorano la conoscenza che quest'uomo possiede sulla beneamata pianta che chiamiamo erba.

Abbiamo incontrato Jorge per parlare di tutte le cose legate alla coltivazione della cannabis ed è stata una grande esperienza ascoltare quest’uomo che parla. Jorge ha spiegato il motivo per cui pensa che coltivare all'aria aperta sia il modo migliore e probabilmente il futuro per la maggior parte dei coltivatori.

Fa un po’ di chiarezza sulla luce a LED, sulla marijuana medicinale, sui suoi ceppi preferiti e sul suo giardino personale. Infine condivide i suoi pensieri su Big Pharma e sul possibile arrivo di piante di cannabis geneticamente modificate.

TRASCRIZIONE DELL’INTERVISTA

Renzo: Allora, salve Jorge! Sono qui seduto per CannaConnection con il guru della coltivazione di marijuana da quasi tre o quattro decenni. Tu sei il numero uno. Come stai, Jorge?

Jorge: Davvero bene! Siamo qui a Spannabis 2017 a Barcellona, a Cornella. Non so quante fiere ci sono state qui, credo 10 o 15 di queste Spannabis, e credo di essere stato presente a ognuna di loro. Vivo qui, quindi è facile. Oggi è una bella giornata qui, mi piace molto.

Renzo: Grazie per aver preso del tempo di sederti qui con noi per un minuto. Penso che i nostri spettatori vorrebbero sentire da te in persona come stanno le cose. Sta andando tutto bene suppongo?

Jorge: Oh sì, sto andando bene. Voglio dire, come posso non andare bene? La cannabis sta diventando legale in tutto il mondo. Non solo qui in Spagna ... le cose stanno muovendosi in Spagna, ma sono decriminalizzate in Israele, in Europa ci sono una mezza dozzina di paesi che hanno decriminalizzato la cannabis o la hanno consentita per uso medico.

È medicinale qui in Spagna, quindi è fantastico. E poi in America sta andando benissimo. Ci sono 8 stati con uso ricreativo legale, e quasi 30 per uso medicinale. Quindi questo è il mio sogno più selvaggio che si sta avverando. È meraviglioso.

Renzo: Qual è la parte più importante della decriminalizzazione per te? Pensi che sia il lato medico? Oppure credi che l’uso ricreativo dovrebbe essere aperto a tutti dovunque?

Jorge: Beh, guarda. Questa pianta è arrivata prima delle persone. È vecchia come la pianta di rosa e dovrebbe essere legale. È solo una pianta. È una pianta meravigliosa. È l'unica che ha cannabinoidi. Abbiamo recettori CB1 e CB2 nel nostro corpo e ci stanno dicendo che c'è molto altro ancora. Si sta lavorando a prove scientifiche ora.

L'uomo e gli animali si sono sviluppati con la cannabis. Ecco perché abbiamo questi recettori nel nostro corpo. Quindi dovrebbe essere legale al 100%, non dobbiamo pensare a nient'altro. È l'uomo che ha veramente rovinato tutto rendendola illegale.

Renzo: In fondo non dovremmo neppure discuterne...

Jorge: Giusto. Dovremmo parlare di come coltivare di più e meglio.

Renzo: Pensi che ci sia ancora molto da capire sull’uso medicinale della marijuana? Negli ultimi anni la gente è diventata consapevole del fatto che il CBD è una cosa diversa dal THC e questo potrebbe aprire le porte per altre cose, ma servono ancora un paio di anni. Pensi che abbiamo ancora un paio di passi da fare?

Jorge: Oh sì, c'è un sacco di lavoro da fare ancora. In realtà il CBD è stato scoperto dal dottor Raphael Mechoulam, ed è successo negli anni '60. Quindi ancora poco è stato fatto con il CBD. Ho amici e persone che ci stanno lavorando da quasi 10 anni e ci sono tanti studi ancora da fare.

Gli Stati Uniti sono leader in questo momento e presto l'Israele lo diventerà, perché sarà più legale. I soli test che sono stati fatti prima, fino a circa 10 anni fa, sono stati prove per esami forensi da parte della polizia. Solo per vedere quanto fosse forte la tua droga e mettere in buona luce la polizia.

Ma ora, finalmente, sono così felice che la stiano studiando dal punto di vista medico e che stanno facendo ogni tipo di analisi. Sai che hanno decodificato il genoma. Il dottor Craig Venter ha decodificato il genoma da diversi anni e c'è un'azienda chiamata Phylos Bioscience. Potete andare sul loro sito e vedrete roba come i risultati di oltre 2000 genomi di cannabis che sono stati decriptati e mappati.

Quindi il livello di conoscenza è proprio all'inizio. E poi anche la questione delle analisi, che nell'era digitale sono diventate molto meno costose. Quindi, visto che la ricerca è diventata più economica, possiamo farne molta di più, anche perché dobbiamo recuperare gli ultimi 70 anni di divieto.

Renzo: Pensi che a un certo punto il grande, malvagio e cooperativo mondo medicinale prenderà il posto dai coltivatori oggi dedicati alla cannabis? Li faranno fuori e ci faranno loro i soldi?

Jorge: lo stanno facendo adesso. Lo stanno già facendo. Sì, sono tutti lì sopra. Ci sono così tante persone, uomini d'affari che aspettano come avvoltoi solo un paio di leggi da cambiare. Il più grande è il settore bancario. Non appena le regole per le banche cambieranno e queste saranno in grado di entrare, sarà una cosa pazza. Esiste già tanta speculazione che sta entrando.

C'è una società chiamata Tweed, in Canada, poi c’è il gruppo ArcView e c'è quell'altro, con a capo i Kennedy, in questo momento sto dimenticando il nome. In ogni modo, tutti sono saltati sopra. Il gruppo Arcview è il meno cattivo di tutti, ma comunque stanno per entrare tanti soldi. Tutti i piccoli coltivatori stanno per essere spinti fuori.

La cosa più grande che spero è che diventerà legale coltivarla nel tuo cortile. In forma individuale. Dopo che l'uso ricreativo è diventato legale, la cosa che ho notato quando sono stato in Oregon è che non c'era un giardino in tutta la città di Portland, per esempio, che non aveva una coltivazione di marijuana dentro.

Renzo: intendi giardini comunali?

Jorge: Non comunali, le persone hanno lì le loro case e ci coltivano la cannabis. Possono crescere fino a 4-6 piante nel loro cortile. Questo sta accadendo ovunque. E l'altra cosa che sta succedendo è che tutto il mercato sta cambiando. Adesso sono circa 3000 euro per un chilo e questi prezzi stanno andando a scendere.

Al momento in America sono circa 3000 euro per un chilo, ma alcuni stanno già ricevendo solo 1500 euro per un chilo, che è una grande quantità di cannabis. Il prezzo sta andando giù. E poi un'altra cosa alla quale dobbiamo pensare è il CBD. C'è molta gente che coltiva la canapa solo per il CBD.

Renzo: Senza THC?

Jorge: Esattamente. CBD, cannabidiolo, cioè la cannabis senza high. Che è ottimo per usi medicinali, per esempio. Uno dei miei amici ha una fattoria di 100 ettari in Oregon. Prima era un produttore di piante da semi. Tutta la sua famiglia per le ultime tre generazioni ha fatto agricoltura e quindi quei ragazzi sanno cosa stanno facendo. Non è come qualcuno che doveva nascondersi letteralmente nell'armadio. E sapete cosa? Questi ragazzi stanno per vincere.

Renzo: Beh, questa potrebbe anche essere la migliore occasione per la nostra società di fare uscire fuori dall’ombra questa cultura della coltivazione, giusto?

Jorge: Oh, sono così felice di vederlo succedere! Come ho detto all'inizio, questa è una pianta che è stata sempre coinvolta con il genere umano ed è stata qui prima di noi. Non c'è motivo per cui sia illegale. Ed è per questo che ci tocca raggiungere i 70 anni di divieto nei prossimi dieci anni.

O anche meno. Quindi è molto sano vederla uscire dall'armadio. Ed è molto sano anche perché ho tanti amici che sono stati in prigione e le loro vite sono state rovinate, i loro figli sono stati portati via, la loro proprietà è stata sequestrata...

E questo sta accadendo ancora. Stanno ancora arrestando persone, mafiosi, pistole, tutte brutte cose... E non c'è nessun motivo. È molto triste. Questa pianta non ha fatto nulla per meritare questo.

Renzo: Continui a parlare di amici e di altre persone che hanno un piccolo giardino e stanno coltivando piante. Ma parliamo di coltivatori indoor. Negli ultimi anni ci sono stati enormi sviluppi nel settore.

Nuove tecniche, un nuovo tipo di lampade a LED, un nuovo tipo di tecniche di alimentazione, e così via. Qual è il tuo punto di vista su queste mode? Lampade a LED per esempio. Credi nelle lampade a LED?

Jorge: Beh, le luci a LED sono davvero cambiate sostanzialmente negli ultimi 2 o 3 anni. Ci sono molti elementi diversi da capire, perché la loro produzione è un grosso problema. Il modo in cui sono fabbricati, per lo più. Le luci del LED o diodi a emissione di luce (che è ciò che LED significa, naturalmente) non sono tutti uguali.

Ci sono alcune marche migliori di altre. Osram è una e Cree è un altra. Ci sono anche tante cattive informazioni sparse in giro su questo e quello, ma sì stanno migliorando molto. Ma vedi, una cosa che non può cambiare, è il principio fisico. La luce diminuisce al quadrato della distanza.

Ciò significa che più lontano le piante si trovano dalla luce, minore è la luce che ricevono. Questo non si può cambiare, è come la gravità. Non possiamo cambiare la gravità. Quindi abbiamo alcune limitazioni, ma stiamo migliorando. I LED usano meno elettricità, sono più efficienti e si possono configurare con diversi spettri luminosi. Staranno in giro per molto tempo.

Ma se devo essere onesto, restano semplicemente ancora troppo costosi. Proprio come la coltivazione indoor è troppo costosa. Le persone stanno andando a coltivare all'esterno, all'aperto o in serre. Questo è molto più efficiente e meno costoso. Quello che sta per dominare non è la tecnologia delle lampade. Quello che sta per dominare è l'economia con i suoi prezzi. Il prezzo sta scendendo.

Renzo: Questa è una previsione importante che stai facendo ora. Siamo nel 2017 e speriamo che abbiamo molto da fare, ma pensi che questo accada presto?

Jorge: Oh vediamo, tutto dipende dalle leggi. Appena una delle leggi cambia, poi imporrà il cambiamento alle altre. Ad esempio, vivo a tempo parziale in Spagna e qui fanno una quantità incredibile di ortaggi, specialmente nel Sud che rifornisce una buona parte d'Europa.

E condivido parte del mio tempo con la California, che è il più grande stato agricolo della Nazione. E nessuno degli agricoltori coltiva indoor. È pazzesco! Hai qui questa cosa libera chiamata luce solare. Gratuita! Luce del sole! È possibile controllare la temperatura, puoi creare il buio. Sai che la cannabis è reattiva al fotoperiodo.

Ci vogliono 12 ore di oscurità per fiorire, ma ci sono altre cose che fanno geneticamente, per cui supereremo anche questo. Quindi sarà tutta una questione di economia e il prezzo della cannabis scenderà. Questo è quello che sta per accadere, e non appena le leggi cambiano a favore della cannabis, nessuno si preoccuperà di coltivare indoor.

Renzo: Quando sono cresciuto e ho iniziato le mie esperienze di coltivazione, ricordo quei video classici di te con gli occhiali da sole e i capelli e le tende dietro. Ti stai ancora divertendo a coltivare in giro? È ancora la tua cosa preferita da fare, per amore della pianta?

Jorge: Oh wow, la mia cosa preferita da fare è anche andare nei giardini all'aperto e crescere all'aperto . Mi piace crescere all'aria aperta.

Renzo: Anche in serra, o proprio solo all'aria aperta?

Jorge: Solo all'aperto. Vedi, a meno che tu non ne abbia bisogno per motivi medici, e allora è meglio non coltivare all'aria aperta, puoi coltivare outdoor e prendere gli ingredienti attivi, i cannabinoidi. Nella pianta esistono 70 o 80 diversi cannabinoidi, a seconda di come si desidera guardarli. Puoi dividerli tutti e rimetterli tutti insieme e fare come la tua birra, il tuo mix. E questo è quello che sta succedendo adesso.

Così è più conveniente crescere 100 ettari di cannabis, prendere le piante raccolte e portarle in laboratorio, separare tutto e fare qualsiasi altra preparazione o medicina che vuoi. Questo è molto più efficiente. Per esempio con i papaveri, fanno lo stesso.

Renzo: Ma poi alla fine conta anche quale ceppo stai coltivando? Naturalmente uno vuole coltivare una pianta che abbia almeno un po’ di THC o un po’ di CBD. E ci sono alcuni operatori di mercato che hanno 25 o addirittura 30 ceppi diversi, e ogni anno si presentano con qualcosa di nuovo. Ma quello che stai dicendo è che è possibile separare tutto fino agli zeri e quelli e prendere qualsiasi cosa di cui hai bisogno dalla pianta?

Jorge: Quasi. Come sempre è solo una questione di soldi e di economie. Ciò che accade è che alcune piante sono incredibilmente ricche di THC, o di CBD, e alcune di THCV. Ci sono tutti i tipi di cannabinoidi, quindi quella che produce il massimo di un certo cannabinoide e che è meno costosa da crescere, è dove manderanno le loro energie.

È semplice. Stanno sviluppando piante che non vengono attaccate, ad esempio, dalla muffa. Piante che non hanno botriti o marciume delle radici. Sviluppano piante con rami più forti. Tutto questo è importante tanto quanto il profilo dei cannabinoidi. Quindi, ogni volta dico che si va sempre a finire all'economia.

Renzo: Ma pensi che a un certo punto avremo manipolazioni genetiche, piante GMO?

Jorge: Stanno già lavorando su questo.

Renzo: Sì, questo è quello che pensavo.

Jorge: Beh, OGM è una cosa. OGM è tirare fuori un gene e metterne dentro un altro. Da un basilico Ocimum Genesis o da un'altra entità completamente. Questo accadrà. Non riesco a trovare una prova, ma conosco dalla gente che ha parlato con Monsanto che sta già studiando la cosa.

Renzo: Questo c’era da aspettarselo

Jorge: Sì, vedi la questione è che la cannabis è una pianta molto facile da manipolare e finora si è fatto poco in questa direzione. Quindi dovrà succedere.

Renzo: Una domanda personale. Suppongo che tu continui ad accendere un fiore ogni tanto. Qual è il tuo preferito? E qual è la strada giusta per gli strain secondo te?

Jorge: Beh, in realtà non sono cambiato molto negli anni. Sai che negli ultimi anni ci sono state molte cose nuove, per esempio la Strawberry Cough . Ma in realtà non presto molta attenzione alle nuove varietà perché è tutto marketing e vendite, e la gente ha bisogno sempre di qualcosa di nuovo. Si sentono meglio se hanno qualcosa di nuovo.

La mia preferita di tutti i tempi è la Haze. Quella che continuo sempre a fumare è la Northern Light Number 5 incrociata con Haze. Entrambe piante eccellenti, che producono molto bene, molto potenti e tutto quanto.

Renzo: Questo è ciò che hai nel tuo orto personale in questo momento?

Jorge: No, in realtà sto coltivando cose diverse. Perché faccio video sulla coltivazione la gente si stanca di guardare sempre le stesse piante ogni volta. Così ho sviluppato molte cose diverse. Sto crescendo il Diesel, diversi Kush, Cominciano a sembrare tutti uguali, anche se ci sono piccole variazioni. C'erano diverse piante volontarie in giardino.

Cosa altro... Blue Dream è venuta davvero bene. Mi è piaciuta, l’ho fatta davvero bene. Davvero cicciona. Quindi faccio esperimenti per poter vedere le deviazioni. Di solito ho un appezzamento a dominanza sativa e uno a dominante indica. E poi un altro che è qualsiasi cosa mi capita.

E poi ho anche un bel po’ di piante ad alto CBD. Ma io passo molto tempo in giro e lo scorso anno sono ingrassato di circa 4,5 chili. E ho passato solo 10 ore di tempo totale a crescere questa.

Renzo: Ma tu sai esattamente cosa stai facendo. Questo ragazzo ha più esperienza di tutti noi messi insieme.

Jorge: Ma vedi, chiunque può farlo. Non è difficile. La chiamano erbaccia. È una pianta piuttosto facile da coltivare.

Renzo: Ma richiede un po’ pratica, giusto?

Jorge: beh sì, credo di sì, la richiede. Tendo a girare solo con gli esperti, quindi sai...

Renzo: Quali suggerimenti per i coltivatori principianti là fuori? Per chi pensa “Sì, voglio fare come Jorge! 10 ore di lavoro e 4,5 chili di erba!” Cosa dovrebbero cercare di fare? Dove si può fallire e quali sono gli errori più comuni?

Jorge: La prima cosa che vuoi fare è avere le tue piante nel terreno molto presto nell'anno. Metti fuori i cloni o i germogli di almeno 30 centimetri di altezza. Mettili subito dopo l'ultima gelata. Assicurarsi di avere un terreno molto buono. Sviluppa un tuo terreno biologico. Cerca di lavorarlo l'anno precedente, non buttare solo li della terra per semplicemente piantarci dei semi. Fare così è stupido e anche molto costoso.

Il terreno è fondamentale. E poi tu vuoi pieno sole per tutto il tempo. Quando trapianti, assicurati di farlo bene perché il trapianto è il momento più critico. Non lasciare mai che le piante esauriscano l'acqua. E se non puoi coltivare in terra, non coltivare in contenitori.

Renzo: Quindi no cocco, dici che la terra è la via da percorrere?

Jorge: Sì, certamente. Terreno organico. Un'ultima cosa. Ho un nuovo libro chiamato "L'Enciclopedia della Cannabis". Potete trovarlo su Amazon, è un grande libro viola. È il doppio della mia “Bibbia” ed è un nuovo libro.

Dovresti anche controllare il mio sito web e il mio account YouTube. Digita il mio nome, Jorge Cervantes, e troverai oltre 250 video, tutto sulla coltivazione. Ti piacerà.

Renzo: Grazie Jorge.

Jorge: Grazie mille.