Qual è la Differenza tra le Piante di Cannabis Maschio e Femmina?


Qual è la Differenza tra le Piante di Cannabis Maschio e Femmina?

Se non hai molta familiarità con la coltivazione della cannabis, potresti pensare che tutte le piante crescano allo stesso modo. Questo è vero fino ad un certo punto, dato che sono membri della stessa specie, ma le cose si complicano quando entra in gioco il sesso biologico. Andiamo a dare uno sguardo più da vicino alle differenze tra le piante di cannabis maschio e femmina.

Vedi, potrebbero sembrare simili all'inizio del processo di crescita. Tuttavia, man a mano che crescono, noterai alcune differenze. È fondamentale notare queste differenze tra le piante maschili e femminili il più presto possibile, dato che se vengono lasciate crescere l'una vicino all'altra, le cose possono diventare problematiche.

COMPRENDERE IL SESSO DELLE PIANTE DI CANNABIS: PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE LA CONDIZIONE DIOICA?

Quindi, abbiamo esaminato il fatto che esistano piante di cannabis maschili e femminili, ma abbiamo ancora alcune spiegazioni da dare sul motivo. Dopo tutto, non tutte le piante hanno esemplari maschili e femminili nella loro specie, quindi perché la cannabis presenta questa caratteristica?

Proprio come avviene per varie altre specie, le piante maschili e femminili sono biologicamente progettate per riprodursi tra loro, producendo una genetica più raffinata e robusta che garantirà la continuazione della specie.

Per essere più precisi, quando le piante di cannabis sono in grado di condividere la loro genetica tramite la riproduzione, la loro prole ha maggiori possibilità di resistere a determinati agenti patogeni, malattie ed altre presenze dannose nel loro ambiente. Di conseguenza, quando quelle piante resistenti saranno in grado di riprodursi, i semi risultanti saranno a loro volta ancora più ottimizzati.

Se chiedi ai breeder di cannabis, scoprirai che questo processo riproduttivo è ottimo non solo per garantire la sopravvivenza. Se un breeder nota due ceppi con certe caratteristiche desiderabili, può far accoppiare un maschio ed una femmina di ciascuna varietà, piantare i semi risultanti ed assaporare una varietà completamente nuova!

Ad esempio, potresti selezionare una varietà per le sue grandi rese ed accoppiarla con un'altra nota per il suo alto contenuto di THC. Potresti quindi accoppiare la varietà risultante con una cultivar resistente alla muffa per aumentare la resistenza delle generazioni future. Il risultato potrebbe non essere esattamente quello che ti aspetteresti ogni volta, ma la sperimentazione è tutto ciò che serve per raggiungere il risultato perfetto.

COME IDENTIFICARE LE PIANTE DI CANNABIS FEMMINA

PLANTS DE CANNABIS FEMELLES

Ora che abbiamo chiarito il motivo per cui esistono piante di cannabis maschio e femmina, il passo successivo è essere in grado di identificare il sesso di queste piante. Per iniziare, ci concentreremo sulle piante femminili, che sono quelle che ci donano quelle cime gustose che tutti fumano.

All’inizio, le piante femmina possono essere difficili da individuare, tuttavia iniziano ad essere riconoscibili a circa 3–6 settimane di fase vegetativa, quando piccoli peli iniziano a comparire nei nodi degli steli. Questi sono conosciuti come pistilli e fungono da “braccia” del calice, che è il principale organo sessuale femminile nelle piante di cannabis.

Con queste informazioni, possiamo anche spiegare il modo esatto con cui si riproducono le piante di cannabis. Man mano che le piante maturano, i maschi sviluppano sacche che si aprono e diffondono il polline attraverso l'aria per impollinare le piante femmina presenti nelle vicinanze.

I pistilli allungati delle piante femmina catturano questo polline inviando le informazioni genetiche ai calici. Dopo l’impollinazione, l’energia utilizzata—o che avrebbero utilizzato—per la produzione di resina verrà utilizzata per produrre i semi.

L’unico compito della pianta femmina è quello di catturare il polline, quindi dovrà più preoccuparsi di produrre una quantità maggiore di tricomi. Questo cambiamento di energia porta a rese di indirizzate verso la produzione dei semi piuttosto che cime.

Tuttavia, cosa succede se non ci sono piante maschio nelle vicinanze? Una volta che una pianta femmina entra nella fase di fioritura, se non è presente polline, concentrerà la sua energia per produrre fiori più grandi nei siti dei pistilli, nella speranza di entrare in contatto con il polline. Alla fine, potrebbe non catturare alcun polline, ma catturerà il tuo cuore con una notevole resa di cime resinose.

COME IDENTIFICARE LE PIANTE DI CANNABIS MASCHIO

PLANTAS DE MARIHUANA MACHO

Quindi, se le piante di cannabis femmina possono essere identificate dai loro stigmi che catturano il polline, quale fattore contraddistingue una pianta di cannabis maschio? L'abbiamo accennato in precedenza, il segno principale da cercare è lo sviluppo di sacche polliniche. I pre-fiori maschio si comportano esattamente come quelli femmina: cominciano ad apparire in fase di pre-fioritura e hanno l'aspetto di piccoli bozzi verdi situati all'altezza dei nodi.

All'inizio sembrano innocui, ma se stai solo cercando di ottenere il massimo rendimento possibile dalle tue femmine, la loro apertura può significare un disastro per il tuo raccolto. Tuttavia, sono molto utili se desideri incrociare le piante di cannabis per creare delle nuove varietà. Come abbiamo precedentemente accennato, le tue piante femmina prenderanno il polline come un segno per non sviluppare più i tricomi ed indirizzare tutta l'energia per produrre semi che includeranno le genetiche trasmesse dalle piante maschili.

QUANDO INIZIANO LE PIANTE MASCHIO A PRODURRE IL POLLINE?

Quand’è che un pianta maschio determina il momento di rilasciare il suo polline? C'è un determinato momento in cui si sentono pronti per iniziare il processo riproduttivo?

Non esattamente. Forse non ne sei a conoscenza, ma non è insolito che le sacche polliniche si aprano già alla fine della fase vegetativa, quindi è cruciale tenere sotto controllo i pre-fiori maschio appena cominciano a formarsi. Il tempo impiegato dalle sacche per aprirsi completamente e rilasciare il polline non è una scienza esatta ma, se non ti interessa produrre semi, è meglio agire in fretta per assicurarti solo la presenza di cannabis “sensimilla” di alta qualità.

Se vuoi assicurarti che non fecondino le femmine, ti consigliamo di identificare e rimuovere le tue piante maschio il momento in cui compaiono le loro sacche di polline. Non c'è bisogno di aspettare che siano maturi o pronti ad aprirsi: sradicali ed allontanali dalle tue piante femmina non appena noti quelle sacche fastidiose.

COSA SI PUÒ FARE CON LE PIANTE DI CANNABIS MASCHIO?

Ora che hai le piante maschio fuori dallo spazio di crescita, cosa bisogna fare? Hai passato tutto questo tempo a coltivarle e prenderti cura di loro, quindi sarebbe un peccato buttarle via. Per fortuna, ci sono alcuni modi sorprendentemente semplici per utilizzare le piante di cannabis maschio al di fuori del breeding.

Magari hai voglia di qualche edibile? La piccola quantità di tricomi presente sulla superficie delle cime maschio può essere utilizzata per creare degli edibili leggeri ma buoni, mentre le foglie possono essere incorporate in una deliziosa insalata. Inoltre, si possono utilizzare le fibre per creare uno spago o una corda, fungendo da alternativa economica ed efficace ai materiali convenzionali.

BISOGNA COLTIVARE LE PIANTE DI CANNABIS MASCHIO O FEMMINA?

Tenendo tutto questo a mente, sorge una domanda: bisogna coltivare piante di cannabis maschio, le piante femmina o entrambi? Questo dipende da cosa stai cercando di ottenere. Se hai solamente bisogno di piante consociative e fonti di fibre, senza il bisogno di avere a che fare con le cime, ti bastano alcune piante maschio.

Se hai intenzione di creare nuove varietà e sperimentare diverse combinazioni genetiche, allora sono necessarie sia le piante maschili che quelle femminili. Non dovrai acquistarli in modo specifico, poiché un pacchetto di semi di cannabis regolare conterrà una media di entrambi i sessi biologici in proporzioni quasi uguali.

Tuttavia, se il tuo obiettivo principale è ottenere cime della massima qualità e quantità possibile, assicurati di coltivare solo piante femmina. Anche in questa situazione, potrai comunque acquistare i semi regolari. Tuttavia, dovrai identificare ed eliminare tutti i maschi dal tuo giardino come abbiamo precedentemente menzionato.

In alternativa, potresti spendere un po' di più per acquistare i semi femminizzati. Questi forniscono una garanzia di ottenere piante femmina di circa il 99%. In questo modo, potrai coltivare ottime cime senza doverti preoccupare!