3 Importanti Vantaggi dei Semi di Cannabis Regolari (Vs Femminizzati)


3 Importanti Vantaggi dei Semi di Cannabis Regolari (Vs Femminizzati)

Fino a pochi anni fa, l'unico modo per coltivare Cannabis partendo da seme era piantando i cosiddetti "semi regolari", ovvero il modo più naturale di dare vita ad una pianta. Da questi semi possono svilupparsi piante di sesso sia maschile che femminile. La maggior parte dei coltivatori di marijuana, però, vuole ottenere esclusivamente infiorescenze da fumare, il che significa che sono principalmente interessati alle piante femmina. È per questo che sono nati i semi femminizzati.

Dai semi di Cannabis femminizzati si sviluppano solo piante di sesso femminile. Ciò consente ai coltivatori di limitare tempo e sforzi alle sole piante femmina, senza correre il rischio di ottenere una parte di esemplari maschio, come accade invece con i semi regolari.

Da quando esplose il mercato dei semi femminizzati nel 1998, i coltivatori mostrarono fin da subito il loro interesse verso questo nuovo prodotto e le seedbank dell'epoca non tardarono a seguire questa rivoluzionaria corrente. Oggi, la maggior parte delle banche del seme non è più interessata a vendere semi di Cannabis regolari. Non per altro il mercato europeo di semi di Cannabis è attualmente dominato per un 95% da coltivatori interessati ai soli semi femminizzati.

Data la forte espansione del settore (commerciale) dei semi femminizzati, i semi regolari sono subito passati in secondo piano, seppure vitali per la creazione ed il mantenimento della biodiversità genetica della Cannabis. È infatti essenziale che tutte le seedbank e i breeder del settore si assumano le proprie responsabilità, continuando ad offrire semi regolari alle comunità cannabiche di tutto il mondo.

Ma quali sono i vantaggi reali dei semi regolari?

FENOTIPI

Per alcuni, il fenotipo è l'espressione di una particolare genetica tramandata da generazione a generazione. Quando si coltivano semi regolari si ha la certezza che le piante esprimeranno il vero lignaggio in esse contenuto. Quando si producono semi femminizzati si seleziona il fenotipo più speciale e si feconda con il "polline riverso" di una pianta femmina forzata a sviluppare fiori maschili, preservando così la nuova generazione di piantini.

Con i semi di Cannabis regolari, invece, è possibile scovare un particolare fenotipo geneticamente incontaminato, da mantenere e custodire gelosamente nella propria coltura.

CREA LA TUA PROPRIA VARIETÀ DI CANNABIS

Prima della diffusione dei semi femminizzati, i coltivatori sfruttavano l'occasione di poter coltivare piante sia maschio che femmina per migliorare le caratteristiche delle varietà che erano soliti coltivare. Anche voi potete facilmente avviare un progetto d'ibridazione su piccola scala, in quanto l'obiettivo non sarà ottenere profitti dalla vendita dei semi, ma bensì creare una nuova varietà. Dopo un periodo di ibridazione con cloni e piante maschio accuratamente selezionate, potrete ottenere varietà incredibili che vi lasceranno senza fiato.

VARIETÀ VECCHIA SCUOLA

Alcune delle migliori varietà di Cannabis "old-school" non sono mai entrate a far parte del mercato dei semi femminizzati e, per questo, sono state dimenticate. Esistono varietà vecchia scuola create prima del 1990 non ancora disponibili in versione femminizzata. Spendete bene i vostri soldi e fate un'accurata ricerca sulle varietà e sulle seedbank prima di realizzare il vostro prossimo ordine.

Uno degli aspetti più belli della coltivazione della Cannabis è poter scegliere tra i semi delle varietà più speciali, conoscendo a priori le loro caratteristiche, comportamento di crescita, dimensioni delle foglie, sviluppo delle ramificazioni, odori, rese, resistenza ai parassiti, profilo terpenico e rapporto THC e CBD. Un aspetto molto interessante soprattutto per chi vuole creare nuovi ibridi da mantenere nelle proprie colture.