Come Trasformare l'Erba Già Vaporizzata in Olio di Cannabis


Come Trasformare l'Erba Già Vaporizzata in Olio di Cannabis

Hai utilizzato buona parte della tua amata scorta di cannabis usando il tuo vaporizzatore per erbe secche. Quando prendi fuori la materia vegetale rimanente dalla camera, noterai che è secca e di un colore brunastro. La cima ora assomiglia più ai trucioli di una matita, priva di quella consistenza umida e del caratteristico aroma pungente.

Il tuo primo istinto potrebbe essere quello di liberartene, pensando che non abbia più alcuno scopo. Tuttavia, non dovrai buttarla via per forza! Potrai ancora fare buon uso della tua erba vaporizzata trasformandola in olio di cannabis.

In questo articolo, approfondiremo questo processo, esamineremo i benefici dell'olio di cannabis e forniremo alcuni suggerimenti per una corretta conservazione. Dopo aver letto questo blog, sarai ben informato su come riutilizzare i resti della scorta già vaporizzata.

Che Cos’È l’Erba Già Vaporizzata?

Come suggerisce il nome, le cime già vaporizzate (conosciute anche con l'acronimo inglese AVB “Already Vaped Bud”) sono cime che hai precedentemente utilizzato in un vaporizzatore per erbe secche. Idealmente, questa materia vegetale viene esposta a temperature inferiori a 190°C (375°F).

Se l'erba è più scura (quasi nera), significa che è stata surriscaldata. Di conseguenza, questi resti bruciati non hanno altro posto se non all'interno del cestino.

Qual è la Differenza tra le Cime Vaporizzate e le Cime Fresche?

La differenza tra le cime vaporizzate e le cime fresche risiede principalmente nella potenza. Ovviamente, le ultime offrono un tiro molto più forte, ma ciò non significa che dovresti buttare via le tue cime vaporizzate. A differenza del fumo, nelle cime vaporizzate il THC e il CBD non sono completamente bruciati. Ciò significa che potrai ancora sballarti.

Ora, potresti chiederti: “Le cime già vaporizzate sono ancora fumabili?”

Tecnicamente, sì. Tuttavia, quando le accendi dovrai anche sopportare un'esperienza amara e più fumosa, con quel retrogusto dell'acqua stantia del bong che rimane in bocca. In poche parole, non aspettarti che sia un'esperienza significativa o addirittura piacevole.

Cosa si può Fare con l'Erba Vaporizzata?

Esistono molti modi con cui potrai utilizzare la tua erba vaporizzata e gli edibili sono un'ottima opzione. Le cime essiccate sono ottime per cucinare perché non hanno più quel sapore forte che potrebbe interferire con i sapori della tua ricetta. Lo stesso vale per le bevande infuse con la cannabis come il tè o il caffè.

Inoltre, non devi più passare attraverso il processo di decarbossilazione prima di consumare la tua erba, poiché il vaporizzatore lo ha già fatto per te.

Ma se non vuoi infondere direttamente la cannabis nel tuo cibo, puoi seguire il fidato metodo del cannaburro. Le cime di cannabis vaporizzate sono un ottimo componente aggiuntivo poichè si spezzano molto più facilmente: esattamente ciò di cui avrai bisogno per preparare il tuo burro magico. Ora hai l'ingrediente perfetto per qualsiasi prelibatezza desideri, che siano space cake o brownies.

Cosa si può fare con l'erba vaporizzata?

Quali Sono i Benefici dell’Olio di Cannabis?

• Alta concentrazione di THC
• Agisce in modo rapido
• Discreto e facile da dosare
• Facile da realizzare e conservare
• Ottimo modo per utilizzare le cime già vaporizzate

L'olio di cannabis è un estratto derivato da varietà d’erba ricche di THC. È altamente psicotropo e ciò significa che è anche illegale consumare in alcune parti del mondo.

Mentre alcuni settori della società demonizzano il THC per l'effetto che porta, altri sono ben consapevoli dei benefici che può offrire a tutti i tipi di consumatori. Alcuni individui utilizzano le qualità olistiche del THC come portare sollievo allo stomaco ed alleviare la tensione, mentre altri semplicemente si godono il rilassamento e l'euforia che il cannabinoide può offrire.

Di per sé, l'olio di cannabis è comodo, discreto e facile da dosare. Invece di dover fumare un'intera canna o aspettare un'ora prima che gli edibili entrino in azione, si può semplicemente far cadere l'olio di cannabis sotto la lingua per un'insorgenza rapida degli effetti.

L'olio di cannabis è anche più facile da conservare e, se vengono prese le giuste misure, può durare veramente a lungo. Inoltre, potrai produrre olio di cannabis utilizzando le cime vaporizzate—non c'è bisogno di sprecare la tua scorta primaria.

In Che Modo l'Olio di Cannabis Differisce dall'Olio di CBD?

Chiariamo una cosa: l'olio di cannabis non è uguale all'olio di CBD. Mentre il primo deriva dalla marijuana e contiene un alto contenuto di THC, il secondo viene spesso estratto dalla canapa industriale e viene sottoposto a un'ulteriore elaborazione per rimuovere il THC in eccesso.

Poiché il THC e il CBD interagiscono con il sistema endocannabinoide in modo differente, l'olio di cannabis causa il caratteristico sballo per cui è famosa la cannabis, mentre il CBD produce effetti più leggeri e non psicotropi. Infatti, può effettivamente bilanciare alcuni degli effetti di alterazione mentale indotti dal THC, rendendo l'esperienza di “sballo” più gestibile.

Come Trasformare l'Erba Già Vaporizzata in Olio di Cannabis

Ora, andiamo al nocciolo della questione. Esistono tre modi per trasformare l'erba già vaporizzata in olio di cannabis: utilizzando una pentola a cottura lenta, un piano cottura ed un dispositivo per l'estrazione.

Prima di ogni altra cosa, dovrai scegliere un olio vettore. Questo fungerà da “solvente” che dissolverà i composti della cannabis per un assorbimento più facile. Per quanto riguarda l'olio da abbinare, puoi scegliere tra l’olio MCT, l’olio di avocado, l’olio di vinaccioli, l’olio di mandorle o l’olio di cocco, giusto per citarne qualcuno.

Come Preparare l'Olio di Cannabis con una Pentola a Cottura Lenta

È possibile trovare una pentola a cottura lenta in quasi ogni cucina, inoltre non è difficile da utilizzare. Per questi motivi, questo metodo è il più conveniente e diretto in questo elenco. La cosa migliore è che richiede solo tre semplici passaggi.

Ingredienti

Cime vaporizzate
Olio vettore di tua scelta

Strumenti

Colino a maglia fine
Garza
Misurino
Pentola a cottura lenta
Piano cottura

Procedimento

1. Aggiungi l'olio e le cime vaporizzate nella pentola a cottura lenta.

2. Metti la pentola a cottura lenta sul fornello a fuoco basso e lascia cuocere il composto per 4–8 ore. Questo promuove l'estrazione dei cannabinoidi dall'erba.

3. Posiziona il colino sopra il misurino e la garza sul colino. Versa la miscela di olio nel colino. Se lo fai bene, la garza ed il colino dovrebbero catturare l’erba vaporizzata e separare l'olio in modo efficace.

Alcune persone scelgono di lasciare cuocere la miscela molto più a lungo. Tuttavia, un periodo di otto ore è sufficiente per completare il processo di estrazione, quindi sarebbe meglio utilizzare quello ed evitare di sprecare risorse.

Come Preparare l'Olio di Cannabis su un Piano Cottura

Se non hai una pentola a cottura lenta a casa, questo è il modo migliore per preparare un po' di olio di cannabis. Dovrai utilizzerai un forno olandese (casseruola in ghisa/ghisa vetrificata) invece di una pentola in terracotta per la cottura lenta.

Ingredienti

Erba vaporizzata
Forno olandese

Strumenti

Barattolo in vetro resistente al calore
Piano cottura
Olio vettore di tua scelta
Colino a maglia fine
Garza
Misurino

Procedimento

1. Metti le cime e l'olio in un barattolo alto e trasparente. Mescola bene.

2. Metti il barattolo nel forno olandese insieme a 2–3 tazze d'acqua. Quindi, posiziona il forno sul fornello a fuoco medio-alto per iniziare il processo di ebollizione. Porta ad ebollizione.

3. Abbassa la fiamma e lascia sobbollire l'olio per almeno quattro ore. Controllalo ogni 15–20 minuti ed aggiungi altra acqua quando è necessario per evitare che l'olio bruci.

4. Prendi il tuo colino e posizionalo sul misurino. Posizionare la garza sopra il colino in modo che funga da secondo filtro. Versa la miscela di olio nella tazza, permettendo al setaccio di catturare la materia vegetale.

Come Produrre l’Olio di Cannabis con un Dispositivo per l'Estrazione

Se vuoi procedere utilizzando un metodo più avanzato, una buona opzione è un dispositivo di estrazione. Puoi optare per un dispositivo che funziona con l'elettricità, ma se vuoi fare un po’ di esercizio, sono disponibili anche quelli manuali.

Ci sono molti dispositivi disponibili sul mercato e tutto ciò che dovrai fare è scegliere quello più adatto a te. Funzionano in modo molto efficiente e il tempo di attesa non è così lungo. Il vantaggio principale di questi dispositivi è la purezza e la sicurezza del prodotto finale.

Tuttavia, uno svantaggio è che funzionano ad una capacità molto bassa. Se stai preparando un lotto per uso personale, non dovrebbe essere un problema. Tuttavia, se vuoi aumentare le quantità utilizza i metodi del fornello o della pentola a cottura lenta.

Come Conservare l’Olio di Cannabis

• Conserva l'olio di cannabis in un luogo fresco, asciutto e buio (ad esempio in un frigorifero o armadio)

Ora andiamo a parlare di conservazione. Una cosa da tenere a mente è che l'esposizione prolungata alla luce, all'ossigeno o al calore può compromettere la qualità del prodotto finale. Quindi, la soluzione più sicura sarebbe conservare il tuo olio in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare diretta. Se desideri un maggiore controllo in termini di temperatura, potresti prendere in considerazione la refrigerazione.

Quando si tratta di conservazione a lungo termine, le tinture a base di alcol sono il metodo migliore. Se vengono sigillate e refrigerate, possono durare per un tempo indefinito. Risparmia per i tempi di magra. Tuttavia, anche il normale olio di cannabis dovrebbe durare quanto l’olio vettore stesso (circa due anni in condizioni ideali).

È una Buona Idea Trasformare l'Erba Già Vaporizzata in Olio di Cannabis?

L’erba vaporizzata potrebbe non essere potente quanto le cime fresche, ma concentrarla in un estratto ne aumenta significativamente la potenza. Mentre fumare l’erba vaporizzata può essere decisamente poco piacevole, trasformarla in olio di cannabis ti farà dimenticare che hai utilizzato un materiale vegetale di qualità inferiore.

Poi, se non sei un fan degli oli, puoi anche trasformare la tua erba vaporizzata in edibili, capsule o burro di cannabis. È solo questione di fare la scelta più adatta a te—e questo è il minore dei problemi.