Come Coltivare Varietà di Cannabis Ricche di CBD


Come Coltivare Varietà di Cannabis Ricche di CBD

Se hai intenzione di coltivare cannabis ricca di CBD, sei in buona compagnia. Come fare per iniziare a coltivare questi esemplari? Coltivare cannabis ricca di CBD è diverso dal coltivare ganja ad alto contenuto di THC? In questa guida troverai tutte le risposte!

Negli ultimi anni l'interesse nei confronti del cannabidiolo è aumentato notevolmente.

Il CBD, come viene generalmente definito, ha attirato l'attenzione per la sua incapacità di generare effetti psicotropi, l'assenza di tossicità e le potenziali proprietà benefiche per l'organismo umano. Svolgendo una rapida ricerca su Google, troverai numerosi studi ed articoli che supportano l'utilizzo di CBD per alleviare problemi fisici e mentali.

Colpiti da tanta popolarità, i coltivatori e i breeder hanno iniziato a sviluppare varietà ricche di CBD per soddisfare la crescente domanda, inaugurando di fatto una nuova era della cannabis. A differenza delle genetiche ad alto contenuto di THC, rivolte principalmente ai consumatori per scopi ricreativi, le varietà ricche di CBD sono destinate all'utilizzo terapeutico o a promuovere il benessere generale.

Se ami il cannabidiolo, o desideri coltivare varietà di cannabis ricche di CBD, sei nel posto giusto. Di seguito, analizzeremo nel dettaglio le genetiche ricche di CBD, i loro potenziali vantaggi e i problemi di natura legale relativi alla loro coltivazione. Inoltre, indicheremo le migliori varietà ricche di CBD da coltivare in casa.

Cos'è una Varietà Ricca di CBD?

Quando parliamo di cannabis, tendiamo a concentrarci sui suoi effetti psicotropi, ovvero sullo “sballo” generato dalle cime. Tale fenomeno è merito del cannabinoide THC. In pratica, maggiore è il livello di THC in una varietà, più intenso sarà l'effetto psicoattivo.

Le genetiche ricche di CBD, invece, non producono alcuno sballo (a meno che non contengano anche una dose di THC considerevole). Di per sé, il CBD non è in grado di alterare in modo visibile lo stato di coscienza di un individuo. Questa molecola agisce “fuori dai radar”, promuovendo l'equilibrio fisiologico dell'organismo.

Per questo motivo, si ritiene che il CBD possa racchiudere anche proprietà terapeutiche. Alcuni studi preliminari hanno esaminato il CBD e la sua potenziale capacità di alleviare e/o trattare determinate condizioni. Nonostante sia ancora impossibile stabilire con certezza le potenzialità terapeutiche del CBD, in alcuni casi il cannabinoide è stato approvato per specifiche applicazioni mediche.

Lo sviluppo di varietà ricche di CBD ha richiesto anni di incroci e sperimentazioni, ma ha anche offerto nuove possibilità alla community della cannabis e non solo.

Articolo correlato

Vantaggi delle Varietà Ricche di CBD

Secondo i consumatori, il CBD offre molti potenziali vantaggi. Prendiamo come esempio uno studio svolto nel 2018, che ha analizzato un gruppo di consumatori di CBD per un periodo di tre mesi.

Il 62% dei partecipanti al test ha affermato di assumere CBD come trattamento per specifiche condizioni di salute, mentre il 36% ha dichiarato che il cannabidiolo era “di per sé molto utile”. Nonostante siano stati riscontrati alcuni effetti collaterali, una persona su tre li ha classificati come “non gravi”.

Tali risultati sembrano confermare i potenziali effetti benefici delle varietà ricche di CBD. Inoltre, a parte l'utilizzo in specifici contesti clinici, il CBD viene spesso assunto quotidianamente come integratore, per supportare la vitalità e migliorare il benessere generale.

È Legale Coltivare Varietà Ricche di CBD?

Considerando le eccellenti valutazioni ricevute dal CBD, è facile supporre che coltivare genetiche ricche di CBD sia legale in ogni parte del mondo. In effetti, molti Paesi hanno già avviato il processo di legalizzazione della cannabis. Tuttavia, alcuni Stati ancora vietano la coltivazione di varietà ricche di CBD.

Per iniziare, esaminiamo la situazione in Europa. In Svizzera e Repubblica Ceca, ad esempio, la vendita di prodotti contenenti CBD isolato è consentita. L'Italia, invece, resta in una zona grigia, poiché le leggi relative alla canapa cambiano frequentemente. In Slovacchia, quasi ogni prodotto contenente CBD è proibito.

Negli Stati Uniti, tutto dipende dal modo in cui il CBD viene venduto. Secondo la Food and Drug Administration (FDA), devono essere rispettate le normative vigenti, tra cui il Federal Food, Drug, and Cosmetic Act.

I coltivatori sono invitati a consultare le leggi locali e ad acquisire informazioni sulle regole in vigore nella propria giurisdizione. In linea di massima, la coltivazione di pochi esemplari ricchi di CBD in ambito domestico è punita con pene lievi, soprattutto se i livelli di THC sono molto bassi. Tuttavia, non c'è alcuna garanzia che non si venga perseguiti penalmente se si viene scoperti.

è legale coltivare varietà ricche di cbd?

Che Differenza C'è Tra Canapa e Varietà Ricche di CBD?

La canapa e la cannabis ricca di CBD appartengono alla stessa specie. Tuttavia, esibiscono specifiche differenze in base al contesto.

La canapa è più semplice da classificare: fanno parte di questa categoria le piante di cannabis contenenti livelli di THC trascurabili. Nello specifico, in molti Paesi europei, il limite di THC imposto dalla legge è pari allo 0,2%, mentre negli Stati Uniti è dello 0,3%, come disposto dal Farm Bill del 2018. In entrambi i casi, la dose di THC è troppo bassa per generare effetti psicoattivi.

La canapa viene utilizzata da molto tempo per scopi industriali e per i suoi semi altamente nutritivi. Solo in epoca recente è diventata anche la materia prima da cui ricavare prodotti contenenti CBD (grazie alla diffusione della legalizzazione).

Le autentiche varietà ad alto contenuto di CBD (ovvero le varietà ricche di CBD), contengono esclusivamente abbondanti quantità di CBD. La canapa sviluppa dosi di CBD superiori rispetto alle normali varietà di cannabis a scopo ricreativo. Ad ogni modo, tale quantità non è minimamente paragonabile a quella riscontrata negli esemplari appositamente selezionati per produrre CBD. Mentre la canapa può essere usata per molti scopi diversi, la cannabis ricca di CBD viene coltivata esclusivamente per ottenere cannabidiolo.

La principale differenza tra canapa e cannabis ricca di CBD riguarda la legalità. Una varietà ricca di CBD può contenere dosi di THC irrilevanti, ed essere priva di effetti psicotropi, ma se il suo livello di THC è leggermente superiore alla soglia prevista dalla legge, è vietato coltivarla, secondo le direttive indicate in precedenza.

Il concetto è un po' complesso, ma il succo del discorso è questo: sia la canapa che le varietà ricche di CBD contengono prevalentemente cannabidiolo e di solito non generano effetti psicoattivi. Tuttavia, la categoria della canapa è molto più netta e regolamentata, rispetto a quella della cannabis ricca di CBD.

Coltivare Cannabis Ricca di CBD è Diverso Rispetto al Coltivare Ganja Normale?

In linea generale, le fasi della coltivazione della cannabis classica sono uguali a quelle della cannabis ricca di CBD. Entrambe hanno bisogno di acqua, aria fresca, luce adeguata e sostanze nutritive. L'unica differenza è che la ganja ricca di CBD contiene dosi di THC inferiori.

Il patrimonio genetico influisce notevolmente sul contenuto di CBD di una varietà. Ad ogni modo, applicando alcune tecniche di coltivazione, è possibile massimizzare i livelli di CBD proprio come accade con la ganja ricca di THC.

Chi coltiva piante ricche di CBD non dovrebbe attendere troppo a lungo prima di raccogliere le cime: come il THC, anche il CBD inizia a deteriorarsi quando resta esposto agli agenti atmosferici per periodi di tempo prolungati. A parte questo, il processo di coltivazione è pressoché identico. In realtà, è impossibile stabilire se una varietà contiene CBD esaminando l'aspetto esteriore (o l'odore che emana). Tutto dipende dai cannabinoidi prodotti all'interno delle cime!

Ricerche sulla Coltivazione di Piante di Canapa ad Alto Contenuto di CBD

Ora che la canapa rappresenta un settore in espansione, e la materia prima viene utilizzata per creare ogni sorta di prodotti contenenti CBD, i produttori e coltivatori domestici cercano di ottimizzare il processo di coltivazione per massimizzare i profitti. Fortunatamente, questo studio del 2011 evidenzia tre specifici fattori capaci di stimolare la produzione di CBD nella canapa ad uso industriale:

• Limitata esposizione alla pioggia
• Aria calda
• Maggior calore a livello del suolo

Tali parametri si riferiscono prevalentemente alle coltivazioni outdoor e il denominatore comune è rappresentato dalla temperatura più elevata rispetto alla media. Non esistono ancora ricerche relative alle piantagioni indoor, ma è comunque preferibile operare a temperature superiori ai 20°C. Occorre inoltre evitare di somministrare acqua in eccesso agli esemplari.

Come Aumentare i Livelli di CBD Quando Si Coltiva Cannabis

Dunque, è possibile aumentare i livelli di CBD in una piantagione di cannabis domestica? Certo che sì! Tieni in considerazione questi quattro elementi per massimizzare il contenuto di cannabidiolo nelle cime.

Scegliere la Giusta Varietà

L'alto contenuto di CBD è determinato principalmente dalla genetica. Se vuoi raccogliere cime ad elevato contenuto di CBD, dovrai innanzitutto selezionare una varietà capace di sviluppare livelli di CBD superiori al 10%.

Una delle soluzioni migliori è quella di utilizzare cloni che in precedenza abbiano generato esemplari ricchi di CBD. Ovviamente, puoi anche coltivare cannabis partendo dai semi ed ottenere livelli di CBD altrettanto elevati da ogni singola pianta.

Analizzare le Piante Precocemente

Per avere la certezza che le piante siano ricche di CBD, puoi chiedere ad un laboratorio specializzato di svolgere dei test sugli esemplari.

Secondo gli esperti, il periodo ideale per condurre i test è 3–4 settimane dopo che il seme è germogliato. Questa strategia ti permetterà di determinare quali piante sono ricche di CBD ancor prima che inizino a fiorire.

Se non hai le risorse economiche per effettuare il test, dovrai attendere fino al momento del raccolto. Per questo motivo, è preferibile scegliere i semi con estrema cura. Utilizza una genetica capace di garantire livelli di CBD elevati.

Analizzare le piante precocemente

Prendersi Cura degli Esemplari

Come ogni altro organismo vivente, anche una pianta sana può sviluppare alcuni problemi. Evita le carenze nutritive, la diffusione di muffe, lo stress da luce e qualsiasi altro inconveniente che potrebbe ridurre il contenuto di cannabidiolo.

Gli esemplari malati o malnutriti tendono a produrre quantità inferiori di cannabinoidi. Dedica alle piante tempo ed attenzioni, e non trascurare le cime già raccolte! L'essiccazione e la concia sono due passaggi fondamentali capaci di massimizzare il contenuto di cannabinoidi e la qualità complessiva dei fiori.

In altre parole, non essere impaziente!

Raccogliere al Momento Giusto

Come accennato nella sezione precedente, il momento del raccolto incide notevolmente sullo sviluppo dei cannabinoidi. Evita di raccogliere le cime in ritardo o con eccessivo anticipo.

Come fare per individuare il momento più opportuno? Quando circa il 60% delle capocchie dei tricomi (strutture sottili, simili a filamenti) cambia da trasparente a torbido, significa che è tempo di procedere con il raccolto.

Le Migliori Varietà di Cannabis Ricche di CBD

Se stai cercando varietà di cannabis ricche di CBD, possiamo darti una mano. Di seguito troverai alcune delle nostre raccomandazioni migliori. Ciascuna di esse è in grado di sviluppare grandi quantità di CBD e livelli di THC variabili. In ogni caso, nessuna di queste varietà può generare sballi tali da proiettare la tua mente nell'iperspazio o inchiodarti al divano.

ACDC

Questa varietà, il cui nome non va confuso con il leggendario quartetto rock australiano, è molto apprezzata dai consumatori di cannabis a scopo terapeutico. Grazie al 22% di CBD e ad appena l'1% di THC, ACDC non può indurre alcuno stato psicoattivo.

Dopo qualche boccata, non emergono sensazioni inebrianti o frastornanti, ma si percepiscono sapori piacevoli e rinfrescanti. È possibile vaporizzare queste cime mentre si studia, si lavora o si svolgono attività creative—senza sballarsi.

I coltivatori saranno lieti di apprendere che questa varietà raggiunge i 150cm di altezza e può sviluppare cime cariche di CBD dopo sole 10 settimane di fioritura. ACDC predilige i climi caldi e asciutti, e reagisce positivamente alle tecniche di LST.

Solomatic CBD

Una varietà autofiorente a dominanza indica, priva di effetti psicotropi, con livelli di CBD esorbitanti (21%) e meno dell'1% di THC. Questa è Solomatic CBD.

I suoi effetti, lucidi e confortanti, sono accompagnati da aromi dolci e fruttati.

Coltivare questa varietà è alquanto appagante. In spazi indoor, offrirà circa 475g/m², mentre outdoor sarà possibile raccogliere fino a 150g/pianta. Gli esemplari saranno pronti per essere raccolti appena 10 settimane dopo che i semi sono stati deposti nel terreno.

Solomatic cbd

CBD-Chronic

Questa varietà offre un leggero sballo, ma il perfetto equilibrio tra cannabinoidi lo mantiene sotto controllo. Se cerchi una genetica con un rapporto THC:CBD di 1:1, puoi assaggiare CBD-Chronic.

Le sue cime sviluppano livelli di THC pari al 5,4%, mentre la quantità di CBD si attesta al 5,8%. Anche se la dose di cannabidiolo può sembrare scarsa, la combinazione tra i due cannabinoidi genera effetti confortanti e rilassanti, senza eccessi: sarai comunque in grado di svolgere le tue mansioni quotidiane.

Con i suoi aromi di terra e frutta, CBD-Chronic è molto amata da tutti gli appassionati di cannabis. È una varietà facile da coltivare e, in ambienti indoor, completa la fioritura nel giro di 60 giorni. Anche le rese indoor sono abbondanti ed ammontano a 600g/m².

Varietà Ricche di CBD: il Futuro della Coltivazione di Cannabis?

Al giorno d'oggi, la cannabis non viene consumata solamente per ottenere uno sballo. Molte persone la utilizzano per le sue potenziali proprietà olistiche, e per supportare il benessere fisico o mentale.

Le varietà ricche di CBD rappresentano un nuovo modo di usare le piante di ganja. Queste piantagioni dimostrano quanto la coltivazione della marijuana si sia evoluta e il notevole impatto di quest'erba sulla vita degli esseri umani.