Intervista a Sensi Seeds


Sensi Seeds è un'azienda molto conosciuta nel settore dei semi di cannabis. Ben Dronkers ha iniziato a lavorare con le genetiche della cannabis oltre 30 anni fa, e con la sua azienda Sensi Seeds, contribuisce alla coltivazione di alcune delle piante più pregiate.

Skunk #1 è una delle varietà più conosciute lanciate sul mercato da Sensi Seeds molto tempo fa. Attualmente essa è ancora ampiamente diffusa ed utilizzata. Sensi Seeds ha anche collaborato alla realizzazione del Hash Marihuana & Hemp Museum ad Amsterdam e Barcellona.

Il figlio di Ben Dronkers, Ravi, sta attualmente svolgendo un ruolo di primaria importanza. Noi lo abbiamo incontrato e gli abbiamo chiesto di raccontarci qualcosa sulla sua storia, la sua attività, e alcuni consigli per coltivare marijuana con Sensi Seeds.

TRASCRIZIONE DELL'INTERVISTA:

Renzo: Ciao a tutti e ciao Ravi. Grazie per la tua ospitalità qui nel tuo fantastico stand allo Spannabis 2017. Come stai?

Ravi: Benissimo! È un bellissimo spettacolo e sono felice di vedervi di nuovo. Ci sono un sacco di persone entusiaste qui e noi siamo contenti quanto loro.

Renzo: Noi ci conosciamo da un bel po' di tempo. Si può dire che Sensi Seeds è una delle aziende più antiche. L'ha fondata tuo padre, e ora anche tu stai contribuendo con il tuo duro lavoro.

Ma forse alcuni dei nostri spettatori qui a CannaConnection non sono a conoscenza della tua storia personale e le vostre origini. Vuoi presentarci brevemente la Sensi Seeds? Dov'è la vostra sede, quando avete iniziato e quali sono i vostri progetti?

Ravi: Sensi Seeds è stata fondata all'inizio degli anni '80. Discende dalla Sensi Seedbank, che contiene una vasta raccolta di genetiche Americane ed Europee. Siamo subentrati all'inizio degli anni '80 e da allora abbiamo coltivato e prodotto tantissimi semi.

Come hai detto tu, esistono molte banche di semi attualmente. Noi siamo ancora una delle più grandi. Quest'anno presenteremo alcune nuove varietà. 14 in tutto. Varietà automatiche femminizzate, ma anche le originali varietà Sensi, come Hindu Kush, Afghan, Mexican sativa, Early Girl.

Renzo: Inoltre al momento state anche investendo in CBD e varietà di marijuana terapeutica?

Ravi: Tutte le varietà possiedono proprietà terapeutiche ovviamente. Comunque sì, siamo lavorando a varietà con maggior contenuto di CBD. Abbiamo ad esempio la Black Domina con l'11% di CBD. Un livello piuttosto elevato. Ma le persone dovrebbero assaggiarla e scoprirlo da soli.

Non consiglierei una varietà con CBD più elevato della Northern Lights #5 Haze ad esempio. Credo che dovreste scegliere la vostra varietà terapeutica, per così dire, e provare gli effetti su voi stessi.

A Sensi Seeds abbiamo anche oli di CBD, che stanno andando molto bene. Al momento li vendiamo in tutta Europa. Se date un'occhiata ai commenti nel nostro sito, scoprirete che sono fantastici. Funzionano davvero.

Renzo: Anche tu sei un fumatore a scopo terapeutico, giusto?

Ravi: Sì, esatto. Fumo Bedrocan che mi fornisce la farmacia olandese. Ed è realizzata con nostre genetiche. È una Jack Herer di 7a generazione ed è ottima.

Renzo: Se dovessi scegliere tra indica e sativa, quale consiglieresti?

Ravi: Sono un tipo da sativa. Mi piace la Northern Lights #5 Haze. È una delle mie preferite. Fumo Jack Herer perché proviene da farmacie dei Paesi Bassi, ma preferisco le sativa. Ti mantengono attivo e in grado di svolgere le normali attività.

Renzo: Se dovessi dare un consiglio ad un coltivatore principiante che sceglie di coltivare una varietà Sensi Seeds, quale gli consiglieresti?

Ravi: Non acquistate subito le varietà più costose e complicate. Iniziate con una Sensi Skunk o un'altra varietà Skunk e imparate come si coltiva. Ci vuole un po' di tempo. Ovviamente potreste semplicemente innaffiare le piante. Tuttavia, occorre tempo per capire appieno come crescere queste varietà.

Renzo: Autofiorenti o femminizzate?

Ravi: Se lo chiedi a me, regolari.

Renzo: Ma potrebbe essere eccessivamente difficile per un coltivatore alle prime armi, no?

Ravi: Sì, ma il problema delle autofiorenti è che si ottengono piante piccole. Per fortuna esistono anche altre banche di semi che stanno realizzando piante che raggiungono altezze maggiori. E anche per quanto riguarda le femminizzate, per me è contro natura, capisci?

Non si dovrebbe giocare con la natura in questo modo. Se volete una varietà degna di questo nome, io consiglio i semi regolari. Fate una selezione e tenete per voi le talee.

Renzo: Questa è la ragione per cui avete scelto di tenere semi regolari nel vostro catalogo, giusto?

Ravi: Esatto.

Renzo: E siete tra i pochi rimasti.

Ravi: Sì, ma sai, attualmente negli Stati Uniti, ad esempio, c'è una grande richiesta di varietà regolari, perché ormai stiamo tutti sfruttando le stesse genetiche.

Renzo: Credi che questo spingerà i coltivatori a manipolare ulteriormente le genetiche?

Ravi: Sì. Se vai in California, troverai dell'erba straordinaria. Lì hanno dei sapori davvero speciali e della roba innovativa.

Renzo: Oltre alle nuove varietà che pubblicherete nel vostro sito web, avete altri progetti per il futuro?

Ravi: Vorremmo andare negli Stati Uniti perché là c'è un mercato più vasto. Ma ora, con Trump presidente, probabilmente non verrà completamente legalizzata. Quindi dobbiamo attendere e vedere come si evolverà la situazione politica. Anche in Olanda e in Europa sono in atto dei cambiamenti. Israele di recente ha legalizzato la marijuana e il futuro sembra luminoso. Ma la guerra non è ancora conclusa.

Renzo: Voi avete anche fondato il Hash, Marihuana and Hemp Museum, presente addirittura in due diverse location, giusto? È diventato una grossa attrazione turistica sia ad Amsterdam che a Barcellona ed è davvero una cosa straordinaria! Come vanno le cose?

Ravi: Ad Amsterdam abbiamo aperto nel 1985 se non ricordo male, e sta andando molto bene. 5 anni fa abbiamo ne abbiamo aperto un altro qui a Barcellona. Oltre agli articoli esposti, l'edificio qui a Barcellona è spettacolare. Quindi vale la pena andare a visitare anche solo l'edificio se vi piace l'architettura e siete a Barcellona.

Renzo: Ma ovviamente anche se siete turisti ad Amsterdam è un ottimo posto da visitare. Ok, prima di consigliare di visitare il vostro sito web, hai un messaggio per i visitatori di CannaConnection?

Ravi: Condividete le informazioni! Dovremmo farlo tutti. Insieme possiamo rendere più solido questo movimento e soltanto insieme possiamo giungere alla legalizzazione.

Renzo: Grazie per essere stato con noi Ravi! Buona coltivazione!