Che Cosa È un Distillato di Cannabis?


Che Cosa È un Distillato di Cannabis?

L'innovazione si sta evolvendo rapidamente all'interno del mondo della cannabis, e uno dei maggiori obiettivi sembra essere la creazione del prodotto più puro e forte possibile. Il distillato di cannabis è il prossimo passo verso quest’obiettivo.

La versione perfetta di un prodotto forte e pulito non solo offrirebbe agli utilizzatori ricreativi un modo molto facile e immediato per ottenere l’effetto psicoattivo perfetto che hanno sempre desiderato, ma consentirebbe soprattutto ai pazienti di cannabis medica di dosare alla perfezione una medicina incredibilmente efficace e potente.

Partendo dal semplice sbriciolamento di un fiore secco o dall’hashish, i prodotti a base di cannabis sono arrivati oggi molto lontano. Oli, tinture ed estratti hanno servito da trampolino di lancio in uno scenario cannabico attuale molto evoluto, che offre innumerevoli modi per ottenere esperienze potenti ed efficaci.

Alcuni estratti e oli sono oggi molto più potenti di un tempo, e possono raggiungere valori compresi tra il 70-85%. Ma questo è ancora poco rispetto al distillato. Il distillato di cannabis è il risultato finale di un processo che può arrivare a ottenere un prodotto finale con una purezza fino al 99% di cannabinoidi.

Questa potenza è assolutamente ineguagliata e si deve prestare attenzione quando si pianifica di ingerire questi prodotti. Anche i veterani più esperti di erba possono essere messi in difficoltà se superano le dosi consigliate per questi estratti.

Un prodotto di questa purezza può però offrire ai fumatori ricreativi un livello che probabilmente non hanno mai sperimentato prima e può offrire agli utilizzatori di cannabis medica una maggiore possibilità di combattere diversi tipi di condizioni.

UN NUOVO LIVELLO DI PUREZZA

Il distillato di cannabis è molto puro. E per ottime ragioni gli è stato anche assegnato il titolo di "The Clear" e "The Pure". Rispetto ad altre tecniche di estrazione della cannabis, come BHO o CO₂, il distillato produce una resina che è composta quasi interamente di cannabinoidi, terpeni e flavonoidi, senza alcun residuo indesiderato. Il prodotto è quindi molto più puro di tutti gli altri.

I metodi per produrre shatter, hash o cere raggiungono tutti un risultato finale rispettabile e potente, ma il processo utilizzato per la loro produzione si presta quasi sempre a una leggera contaminazione.

Molti estratti sono fatti usando solventi o butano insieme a dei metodi a pressione e risciacquo. Anche se risultano efficaci, queste tecniche lasciano residui indesiderati che possono contaminare il gusto e certamente non hanno un loro posto nel nostro corpo.

L'impressionante purezza del distillato di cannabis si ottiene attraverso il processo di distillazione, che riesce a purificare un liquido attraverso il riscaldamento e il raffreddamento. La distillazione si usa per estrarre gli oli essenziali e altri composti da una pianta, prendendo ciò che è prezioso e lasciando dietro tutto il resto.

Nel caso della pianta di cannabis, cannabinoidi, terpeni e flavonoidi sono ciò che si desidera ottenere nel prodotto finale con tutti i loro effetti, i sapori, gli aromi e il valore medicinale. Ciò che rimane è costituito da cere, grassi, clorofilla e vari contaminanti, come metalli pesanti e pesticidi.

COME FUNZIONA LA DISTILLAZIONE

Come funziona la distillazione

La distillazione della cannabis funziona sfruttando la volatilità dei composti presenti all'interno della pianta. La volatilità, o punto di ebollizione, di terpeni, flavonoidi e cannabinoidi è molto variabile.

Ciò significa che i componenti possono essere estratti nello stesso prodotto finale o possono essere separati con precisione per creare un prodotto quasi interamente costituito da THC o CBD. Il distillato può essere progettato per soddisfare vari scopi a seconda dell'obiettivo desiderato. Gli intervalli di temperatura per i componenti volatili più delicati come i terpeni si aggirano intorno ai 190°C/374°F, mentre per i cannabinoidi si collocano intorno ai 260°C/500°F.

Il processo di distillazione impiega il calore per vaporizzare i cannabinoidi e un sistema di raffreddamento per condensarli e separarli. Un estratto di cannabis viene posto all'interno di dispositivi di vetro ai quali viene applicato il calore. Quando si raggiunge la temperatura desiderata, i cannabinoidi vengono vaporizzati e immessi in un tubo di raffreddamento. Il vapore quindi si condensa e gocciola in un contenitore di vetro che contiene il distillato.

Questo processo separa i cannabinoidi dai prodotti indesiderati, creando una sostanza incredibilmente limpida e pura.

Poiché i terpeni e altri composti volatili ma utili hanno un punto di ebollizione molto basso, è possibile che vengano distrutti durante il processo di estrazione dei cannabinoidi. È però possibile estrarre separatamente questi preziosi composti e quindi aggiungerli alla miscela dopo che entrambe le procedure sono state eseguite.

LA DISTILLAZIONE CAMBIA LE REGOLE DEL GIOCO

La natura pura e potente del distillato di cannabis può rendere la produzione di molti prodotti a base di cannabis molto più semplice, e probabilmente più economica. Il distillato contenente solo cannabinoidi non ha sapore ed è molto facile da aggiungere a cibi e bevande, evitando qualsiasi lungo e complicato processo di cottura.

La distillazione avrà anche il suo posto nelle industrie della salute e della bellezza, dove potrà essere facilmente applicata a una vasta gamma di creme, oli e persino prodotti per il bagno.

Forse il cambiamento più significativo che il distillato può portare si trova sul fronte della cannabis medica.

Finora molti pazienti devono limitarsi a estratti e prodotti che non arrivano in alcun modo vicino alla potenza del distillato. Questo nuovo prodotto diventerà inevitabilmente molto diffuso e porterà certamente sollievo a molti pazienti che necessitano di dosi elevate di cannabinoidi.

Un distillato di CBD può essere molto utile in alcuni casi di applicazioni terapeutiche, e un prodotto che contiene principalmente THC e terpeni benefici è riconosciuto come molto utile per alleviare il dolore.

CI SONO CONTROINDICAZIONI?

L'unico vero svantaggio di queste sostanze pure è che può risultare complicato gestire le proporzioni fra componenti attivi.

In una pianta di cannabis, c'è una quantità fissa di tutti i composti, e tutti interagiscono l'uno con l'altro (il cosiddetto "effetto entourage") per produrre un certo effetto. Questo è il motivo per cui ceppi diversi hanno effetti diversi: hanno diversi rapporti di cannabinoidi, terpeni e altri composti. Quando si preparano i distillati, spetta al produttore definire questi rapporti.

Si potrebbe dire che chi fa il distillato sta pasticciando con la natura, e se lo fa in modo sbagliato potrebbe causare un'esperienza molto spiacevole. Ad esempio, si dice che assumere THC puro sia un'esperienza orribile senza altri cannabinoidi che regolano i suoi effetti.

I distillati danno un grande controllo, che sarà molto utile nelle mani dei professionisti.

Quindi, se stai cercando di provare il distillato per scopi medici o ricreativi è molto importante conoscere il tipo di prodotto che prevedi di usare e sapere come gestire i dosaggi.