Come si realizza un bong - l'arte della soffiatura del vetro


L'avvento dell'era industriale ha velocizzato tantissime procedure manuali. Di conseguenza, sono nati prodotti più efficienti, dalle caratteristiche costanti e omogenee. Ma non sono proprio le piccole imperfezioni a rendere unico un oggetto? Fortunatamente per noi, la nobile arte della soffiatura del vetro non potrà mai essere replicata dalle macchine, o perlomeno non con gli stessi livelli di creatività.

LA BELLEZZA DEL VETRO SOFFIATO

Molti artigiani esperti nella soffiatura del vetro oggi si rivolgono al settore della cannabis. Grazie all'aumento esponenziale della domanda, dovuta al diffondersi della legalizzazione, gli accessori per fumare cannabis sono sempre più richiesti. Per un fumatore di ganja sofisticato niente è più accattivante di un bong in vetro, elaborato e decorativo. Esatto, tra la popolazione degli appassionati di ganja esistono anche i fumatori sofisticati.

La soffiatura del vetro è considerata un'abilità straordinaria, le cui umili origini risalgono al 550 a.C. Ai soffiatori di vetro fenici del Libano meridionale era proibito viaggiare, per timore che la loro conoscenza potesse essere carpita da altri. Per fortuna questo divieto non è più in vigore, e gli esperti soffiatori di vetro possono spostarsi a loro piacimento.

INIZIALMENTE I BONG IN VETRO SONO BOLLE DI VETRO

Inizialmente i bong in vetro sono bolle di vetro

Per prima cosa, il vetro viene surriscaldato alla temperatura di 1163°C. Questo calore lo rende malleabile e plasmabile. Successivamente, usando una bacchetta cava in acciaio o una canna da soffio, l'artigiano soffia letteralmente in una estremità, riempiendo d'aria il vetro fuso, e formando una bolla.

La bolla di vetro può essere poi plasmata in qualsiasi sagoma immaginabile. Il flusso d'aria emesso dal soffiatore può essere modulato tramite dei fori presenti nella cannuccia di acciaio.

PERFEZIONARE LA PROCEDURA DELLA SOFFIATURA DEL VETRO

In seguito, per ottenere un design più uniforme (elemento essenziale della realizzazione del bong), la bolla di vetro soffiato può essere inserita in un tornio, per produrre una forma cilindrica regolare. Sulla struttura in vetro si può applicare una fiamma ossidrica per creare o aggiungere elementi interni, filtri, o anche disegni elaborati. A chi non piace un bong in vetro con ali di drago applicate?

In effetti, per realizzare i diversi tipi di bong in vetro, si utilizzano varie tecniche combinate. Anche il design più minimale prende vita da una bolla di vetro malleabile, posta all'estremità di una canna d'acciaio.

L'EQUILIBRIO TRA QUALITÀ E SPESSORE DEL VETRO

L'equilibrio tra qualità e spessore del vetro

A parte la funzione decorativa della soffiatura del vetro, i disegni elaborati e i colori sgargianti, il consumatore deve tenere in considerazione molti altri elementi. La qualità di un bong in vetro dipende da due fattori essenziali: il tipo di vetro usato e lo spessore del suddetto vetro. Valutando attentamente queste caratteristiche, potrete acquistare un bong funzionale e resistente.

TIPI DI VETRO PER BONG

La crème de la crème di tutti i tipi di vetro è il vetro borosilicato. Questo materiale viene usato per realizzare le attrezzature da laboratorio di alta qualità. Il vetro borosilicato è anche molto più robusto rispetto alle alternative cinesi più economiche, in vendita in alcuni head shop.

Se non siete sicuri del tipo di vetro usato per realizzare un bong, potete determinarne la qualità osservando le giunzioni o le saldature. Le saldature uniformi, precise e levigate sono un chiaro segno di bravura da parte del soffiatore di vetro, e anche di materiale di alta qualità. Nelle stesse circostanze, un vetro più scadente si romperebbe facilmente.

SPESSORE DEL VETRO PER BONG

Esiste un'errata convinzione, secondo la quale un oggetto pesante è di qualità superiore rispetto ad uno più leggero. Durante la costruzione di un bong in vetro, la pesantezza dipende dallo spessore del vetro stesso. Questo spessore può variare dai 3 ai 9mm. Ovviamente, un vetro da 9mm risulta più pesante in mano.

Se avete scelto un bong con saldature accettabili e vetro di discreta qualità, ma con uno spessore considerevole, vi conviene acquistare un bong dal vetro più sottile, ma di qualità superiore.

Il vetro di alta qualità ha minori probabilità di rompersi, indipendentemente dal suo spessore. Pertanto, anche se acquistate un vetro economico con uno spessore di 9mm, è probabile che esso si rompa dopo un utilizzo ripetuto. Se riuscite a trovare un bong realizzato con vetro di prima scelta ed uno spessore maggiore, vi trovate di fronte all'acquisto perfetto.