4 dritte per proteggere la vostra coltura cannabica dai ladri


4 dritte per proteggere la vostra coltura cannabica dai ladri

Vorreste coltivare all'aperto, ma avete paura di diventare bersaglio di aspiranti ladri di cannabis? Il miglior modo per proteggere le vostre piante è quello di applicare alla vostra coltura delle misure di sicurezza che non vi facciano passare casini con la legge. Quando si tratta di coltivare in modo furbo, la miglior strategia è una difesa forte, ma sicura.

TENETE I LADRI LONTANI DALLA VOSTRA TERRA, E DALLA VOSTRA MARIJUANA

Purtroppo, non tutti i parassiti possono essere sgominati con un pesticida organico o delle piante da consociazione. In un mondo in cui la legalità della coltivazione di cannabis è in ascesa, i coltivatori dotati di pollice verde stanno diventando un bersaglio favorito per aspiranti ladri di cannabis. Che si tratti di invidia, o solo la semplice voglia di avere dell'erba gratis, i progetti di coltura in esterni sono messi sempre più a rischio da un parassita che non è facile respingere.

Questo a meno che non riceviate qualche buon consiglio che vi possa venire in aiuto. Per fortuna, CannaConnection ha pensato a voi. Qui di seguito, troverete diversi modi in cui potete proteggere la vostra coltura—senza finire voi stessi nei guai. Per quanto sia allettante optare per metodi di protezione più estremi, non potrete godervi il frutto delle vostre fatiche se finite voi stessi nei guai con la legge.

L'ABC DELLA SICUREZZA PER COLTURE CANNABICHE

L'ABC DELLA SICUREZZA PER COLTURE CANNABICHE

La prima regola della coltivazione dell'erba è: non parlate mai della coltivazione dell'erba

È una semplice, e sovente sottovalutata, regola della coltivazione di cannabis. Perfino in un mondo in cui da tutti gli angoli della società pare ci si stia avvicinando alla marijuana sotto diverse forme, l'argomento è tuttora destinato a far aggrottare qualche sopracciglio. Anche se il vostro più recente progetto potrebbe essere un plausibile oggetto di conversazione in una serata fuori, non potete mai sapere chi stia ascoltando, o quanto lontano quell'informazione finirà per viaggiare. La vostra coltura all'aperto non può diventare un bersaglio se nessuno ne conosce l'esistenza.

Assicuratevi che ogni qualvolta parlate della vostra coltura all'aperto, ciò avvenga con persone dalla mentalità affine, che onorano e rispettano il livello di discrezione necessario per poter coltivare con successo. Questo è di gran lunga il modo più semplice ed efficace per impedire che l'oggetto del vostro duro lavoro sparisca durante la notte.

Tenete le vostre piante di cannabis lontano da occhi indiscreti

Una volta che il rischio di svuotare il sacco è stato evitato, possiamo passare a quello che è logicamente il passo successivo: tenere la vostra coltura al riparo da sguardi rapaci. Una coltivazione segreta non è più tanto segreta se avete una torreggiante sativa che si erge ben oltre il bordo di un muro o di una staccionata. La strategia per tenere le piante sotto controllo comporta diversi passi.

Primo, potatura e cimatura regolari sono essenziali per la salute delle piante, e per essere sicuri che non oltrepassino in altezza le delimitazioni del vostro giardino. Non abbiate timore di “guidare” la crescita delle piante fin dagli inizi della fase vegetativa per tenerne le dimensioni sotto controllo. Secondo, anche se abbiamo già detto che le consociazioni di piante non fermeranno i ladri di cannabis, è vero però che in determinate circostanze possono aiutare a contrastarli.

Questa strategia comporta il ricorso a piante consociate per occultare alla vista le vostre piante di cannabis (e ridurre al minimo la loro riconoscibile fragranza). Se c'è una parte del vostro giardino che è facilmente visibile da un sentiero o da un passaggio, bloccate la vista con altre piante, in modo che la vostra cannabis sia meno appariscente. Il tipo di piante da consociazione a cui ricorrerete dipenderà dall'ampiezza della copertura necessaria, e da quali specie si integrano bene con la varietà che state coltivando.

Proteggete le vostre piante con telecamere, luci e allarmi

Se volete tenere la vostra erba al sicuro, è possibile che dobbiate affrontare qualche spesa. Non stiamo parlando di punti d'accesso con verifica di impronta digitale, ma alcune telecamere e luci ben posizionate dovrebbero funzionare. Molti ladri preferiscono agire protetti dall'oscurità, e pertanto delle luci che si accendono con sensori di movimento sono imprescindibili se volete tenere la vostra piantagione sicura e protetta. Se passate molto tempo fuori casa per lavoro, allora vale anche la pena di prendere in considerazione delle telecamere di sicurezza.

La vista di una telecamera è generalmente sufficiente per dissuadere i ladri di cannabis, e anche se non lo fosse, perlomeno avreste qualche prova da fornire alla polizia (se nel luogo in cui vivete la coltivazione è legale). Le telecamere di sicurezza sono relativamente poco costose, e possono includere l'opzione di accedere in diretta ai filmati attraverso una connessione internet. In questo modo, anche quando siete lontani da casa potete contemplare amorevolmente le vostre cime in fiore.

Un altro modo per far sapere agli intrusi che sono stati beccati è un allarme. Un semplice cavo teso, collegato con una suoneria penetrante, nella maggior parte dei casi funzionerà. Per un'opzione più sofisticata (ma anche più costosa), consiste in allarmi a sensore di movimento.

Fate giusto attenzione, perché questi apparecchi possono essere facilmente attivati da animali vaganti, e probabilmente i vostri vicini non apprezzeranno un allarme assordante che scatta quando siete al lavoro.

Quando si coltiva erba, un cane è davvero il miglior amico dell'uomo

Se non avete ancora un cane, allora potete metterlo in conto come spesa aggiuntiva. Se già ne avete uno, è tempo che il vostro amato quattro zampe si dia da fare per guadagnarsi la pagnotta. Questo non vuol dire addestrare il vostro fidato canide ad attaccare a vista gli sconosciuti, ma di solito è sufficiente semplicemente lasciarlo libero di andare a zonzo per il giardino durante la giornata.

Se un ladro ha individuato la vostra cannabis, non gli ci vorrà molto per avvistare anche il vostro cane. Nella maggior parte dei casi, la sola idea di dover affrontare un animale sulla difensiva sarà sufficiente per scoraggiare ogni velleità di rapina. I cani possono fungere anche da sistema di rilevamento ed allerta rapida, e perfino dall'interno della casa possono segnalarvi la presenza di visitatori indesiderati.

QUANDO SI COLTIVA CANNABIS, UN POTENTE ATTACCO NON È LA MIGLIOR DIFESA

Per quanto possa essere frustrante, specialmente se vi vengono sottratti mesi di duro lavoro, non cedete alla tentazione di ricorrere a metodi estremi di protezione o vendetta. Non allestite trappole esplosive, né scavate delle buche pericolose, che potrebbero procurare gravi lesioni a qualcuno e mettervi in guai seri. “Mamma, ho perso l'aereo” era solo un film.

Parecchi dei consigli di cui sopra possono essere messi in pratica con un minimo investimento economico, e nella maggioranza dei casi saranno più che sufficienti per dissuadere qualunque molesto ladro d'erba. E la cosa migliore è che non vi metteranno nei guai con le forze dell'ordine locali—perlomeno se dove vivete la coltivazione di cannabis è legale.

Usate il cervello, e potrete mietere i deliziosi frutti della coltivazione di cannabis per anni a venire. Con la prospettiva di una fornitura infinita di fiori coltivati in casa, non c'è mai stato un momento migliore per pensare ad una coltura all'aperto.