È legale viaggiare con la cannabis terapeutica?


È legale viaggiare con la cannabis terapeutica?

La cannabis per uso medico sta diventando legale in un numero di nazioni sempre maggiore. Ma anche se oggi potrebbe trovarsi regolarmente nell’armadio delle medicine di casa, la cannabis non è ancora considerata alla pari degli altri farmaci.

Bisogna sempre tenere presente alcune particolarità sul suo utilizzo che la differenziano dalle altre medicine. Una delle cose più importanti da ricordare? Non puoi viaggiare facilmente con questo farmaco nella borsa.

Se intendi attraversare confini interni negli Stati Uniti, oppure frontiere internazionali, hai solo una possibilità: lasciare la tua cannabis a casa. Altrimenti avrai come minimo dei ritardi e una serie di fastidi che rovineranno il tuo viaggio. E nel caso peggiore puoi anche finire in prigione.

Sì, Montel Williams (la celebrità americana dei talk show) ha passato la frontiera tedesca a Francoforte la scorsa estate senza problemi, ma ha dovuto perdere tempo a dimostrare che la sua cannabis era per uso medico.

Questo non è il tipo di cose che il viaggiatore medio ha voglia di affrontare alla dogana. La maggior parte delle persone non sono celebrità, e quindi aspettati che le autorità di frontiera siano molto meno gentili con te se non sei un personaggio famoso.

COME DEVO VIAGGARE SE USO CANNABIS?

Purtroppo il consiglio migliore per viaggiare con la cannabis è ancora questo: non farlo. È ancora un grosso problema se qualcosa va storto. Questo è uno dei motivi più importanti che impediscono al turismo della cannabis di decollare, e impediscono persino il turismo dei pazienti di cannabis medica.

Quando viaggiate entro i confini nazionali, la cosa migliore da fare è preparare un piano. La cosa migliore di tutte è non viaggiare con la tua erba. Se sei un paziente che usa cannabis per scopi medici devi preparare tutti i documenti prima di partire. Porta con te la ricetta del medico, se possibile.

Quando viaggi in macchina, assicurarti che la tua cannabis sia ben chiusa e stia dentro al bagagliaio. Camuffi e confezioni sigillate sono sempre consigliabili anche se viaggi con i mezzi di trasporto pubblico. A cominciare da treni e autobus, ma anche nei viaggi su navi e barche.

Se puoi prendere pillole o olio invece che fiori, prova a farlo. L’aspetto e l’odore di questi prodotti attirano meno attenzione. Ricorda anche che non devi avere addosso lo stesso odore della tua medicina. E che il tuo bagaglio può anche essere annusato dai cani, se sei sfortunato. Considera sempre se vale veramente la pena rischiare di essere scoperto e quindi pagarne le conseguenze.

Se viaggi all’estero devi capire come viene vista la cannabis nel paese dove stai andando. La soluzione migliore è fare in modo di avere una fornitura di cannabis quando arrivi a destinazione. Ricorda che negli Stati Uniti ci sono molte trappole alle quali devi stare attento. Tutto il viaggio che fai fra i diversi Stati è tecnicamente anche "proprietà federale".

E quindi, almeno in teoria, andare in un aeroporto con la cannabis può essere un problema. Se un poliziotto statale vi arresta durante un viaggio interstatale per il possesso di cannabis, dovrete anche affrontare problemi con la giustizia federale.

Mai, mai, viaggiare con le piante.

VIAGGIARE ALL’INTERNO DEGLI STATI UNITI

Viaggiare all’interno di una singola contea è l'unica cosa davvero sicura. Ma se ti trovi in uno Stato post-riforma della cannabis, anche i viaggi nel territorio di questo Stato sono di solito abbastanza sicuri.

Devi però sapere con precisione le normative sulle quantità minime e massime in ogni singola contea. In California, per esempio, ogni contea è obbligata a consentire almeno il minimo consentito dallo Stato. Ma questo non vale in altri Stati.

Non attraversare per nessun motivo i confini fra gli Stati. Questo è un reato federale.

Se sei un paziente di cannabis medica che viaggia negli Stati Uniti, fai attenzione. Alcuni Stati riconoscono quello che è conosciuto come “reciprocità medica”. Ciò significa che sei autorizzato a partecipare ai programmi medici dello Stato di destinazione.

Il Nevada è diventato il primo Stato americano a consentire questo diritto. È necessario che tu consideri questo problema prima di partire.

Mai e poi mai portare la cannabis in qualsiasi aereo. Questo vale anche per i voli interni. E questo vale anche se sei un utente registrato di cannabis medica. Perché? Perché è un crimine federale. Le multa e le sanzioni sono salate. Anche se si tratta del primo reato commesso, è possibile avere una condanna fino a un anno di carcere e una multa di 1.000 dollari.

VIAGGI ALL’INTERNO DELL’UNIONE EUROPEA

Viaggiare in Europa è una cosa diversa. Qui devi stare attento, ma non rischierai di finire in prigione per essere stato trovato con una canna. Gli utenti di cannabis medica che viaggiano in Europa devono però conoscere le leggi locali.

In Europa la cannabis è considerata un medicinale di tipo narcotico regolato dalle stesse leggi che riguardano gli oppiacei. Se viaggi con la tua prescrizione da un Paese all'altro, devi seguire la legge.

Ci sono anche due diverse procedure a seconda di quali confini nazionali si stanno attraversando. Il viaggio transfrontaliero tra gli Stati aderenti al Trattato di Schengen è regolato da norme diverse rispetto a quelle che riguardano i paesi esterni.

  • Dichiarazione Schengen per viaggiare negli stati Schengen (valida per 30 giorni)
  • Documento medico in inglese per viaggiare fuori dagli Stati Schengen. (Valido per 1 anno)

Stati Schengen:

  • Belgio
  • Lussemburgo
  • Danimarca
  • Malta
  • Germania
  • Paesi Bassi
  • Estonia
  • Norvegia
  • Finlandia
  • Austria
  • Francia
  • Polonia
  • Grecia
  • Portogallo
  • Ungheria
  • Slovenia
  • Islanda
  • Slovacchia
  • Italia
  • Spagna
  • Repubblica Ceca
  • Liechtenstein
  • Svezia
  • Lituania
  • Svizzera

La cosa migliore? Parla con il tuo medico. Cerca quali possibilità sono disponibili localmente. Pianifica di conseguenza il tuo viaggio.

Ci sono anche altre possibilità, ovviamente. Nei Paesi Bassi è facile acquistare erba senza prescrizione medica. In Spagna, i cannabis club locali sono talvolta disposti ad accettare nuovi membri, in particolare gli utenti di cannabis medica e i visitatori di lungo termine. I gruppi e le associazioni di pazienti possono dare aiuto e consigli online. Mettiti in contatto con questi gruppi, pianifica la tua strategia e valuta le possibilità più sicure.

COSA FARE SE NESSUNA DI QUESTE POSSIBILITA’ FUNZIONA?

Se sei un paziente di cannabis medica e devi assolutamente viaggiare attraverso i confini statali o internazionali con il tuo farmaco (magari perché è impossibile procurarselo quando arrivi a destinazione), c'è un'altra possibilità. La maggior parte dei problemi è causata dal possesso personale di parti della pianta.

Parla con il tuo medico e fatti prescrivere Dronabinol. Questo è un farmaco che oggi viene classificato in tabella 3, ed è quindi legale il suo possesso. Questo dovrebbe metterti abbastanza a posto.

Ma non è facile.

Se questo problema ti sta veramente angosciando, considera di donare il tuo tempo alla causa della legalizzazione. La riforma della cannabis è ancora una "cosa da fare". Il tuo tempo e la tua energia possono fare la differenza.

IN GENERALE

Non finiremo mai di ripeterlo: se puoi evitare di viaggiare con la cannabis, evitalo. Ci sono ancora troppi pregiudizi su questa pianta, per non parlare delle leggi oggi in vigore. Meglio non rischiare.