Cosa È il Couch Lock e Come Contrastarlo


Cosa È il Couch Lock e Come Contrastarlo

È capitato a tutti:

Avete appena acceso un delizioso spinello e vi siete sdraiati comodamente sul divano, aspettando che gli effetti avvolgano lentamente il vostro corpo e la mente. E all'improvviso, eccolo che arriva.

Inizialmente sentite il corpo caldo, intorpidito e formicolante, come se foste rimasti a lungo in una vasca da bagno bollente. Poco dopo, avete l'impressione che i vostri arti stiano sprofondando lentamente tra le fessure del divano. A questo punto sapete già che nemmeno un attacco nucleare potrebbe riuscire a smuovervi da lì.

Ecco a voi il "couch lock", una condizione in grado di immobilizzare persino il fumatore di ganja più incallito. Ma cos'è esattamente il couch lock, da cosa è provocato, e cosa si può fare per evitarlo?

COS'È IL COUCH LOCK?

Il couch lock, o "inchioda-divano", è un termine colloquiale usato dai consumatori di cannabis per indicare un forte senso di pesantezza e intorpidimento fisico causato dalla ganja. Di solito questa condizione produce un forte rilassamento ed un profondo effetto sedativo, talmente intenso da "inchiodare" letteralmente l'utilizzatore al divano.

DA COSA È PROVOCATO IL COUCH LOCK?

Molti consumatori di cannabis affermano che le varietà indica hanno molta più probabilità di provocare couch lock rispetto alle sativa. Ad ogni modo, la vera causa del couch lock è leggermente più complessa. Per comprendere meglio il couch lock e i suoi fattori scatenanti, è utile analizzare la composizione chimica della cannabis.

La cannabis contiene più di 400 principi attivi, inclusi i cannabinoidi (come THC e CBD), i terpeni (come limonene e pinene), e molte altre sostanze. Grazie al particolare equilibrio chimico tra questi composti, ogni varietà di cannabis produce effetti diversi.

Anche se la marijuana è considerata principalmente una sostanza psicoattiva, è importante tenere a mente che essa produce anche effetti fisici evidenti, sedativi e rilassanti. In fondo, è proprio per questo motivo che moltissimi pazienti scelgono di consumare cannabis terapeutica per gestire disturbi come dolore, insonnia e persino stress.

Finora non è stato individuato alcun cannabinoide e/o terpene come unico responsabile del couch lock. Qualcuno cerca di addossare la colpa al mircene, un terpene dai noti effetti sedativi presente nella cannabis (e anche nel luppolo, nel timo e in molte altre piante). Secondo tale ipotesi, in alcune varietà di cannabis l'elevata concentrazione di mircene sarebbe in grado di inchiodare il consumatore al divano.

Tuttavia, i risultati dei test condotti sulle piante partecipanti alla Cannabis Cup 2015 ad Amsterdam indicano che i livelli di mircene erano più elevati nelle varietà sativa, che però non provocavano assolutamente il couch lock.

Purtroppo, non sono state svolte sufficienti ricerche scientifiche per stabilire con certezza le cause del couch lock. In effetti, questo effetto potrebbe essere provocato da una particolare combinazione di sostanze chimiche, e non da un solo composto.

Anche la quantità di cannabis che viene consumata è un elemento essenziale: molti utilizzatori sperimentano il couch lock quando fumano troppa ganja.

Infine, alcuni coltivatori di cannabis hanno scoperto che le tempistiche del raccolto influiscono notevolmente sugli effetti prodotti dalle cime. Molti notano infatti che le cime raccolte con un certo ritardo (facilmente identificabili per il colore scuro e ambrato dei loro tricomi) producono effetti sedativi più intensi, che possono provocare couch lock.

COME CONTRASTARE IL COUCH LOCK

Come contrastare il couch lock

Il couch lock può essere una sensazione fantastica se siete in vena di rilassarvi completamente. Sfortunatamente, questo senso di pesantezza può insorgere anche quando desiderate essere energici, motivati o socievoli. Se vi trovate in questo tipo di situazione, potete seguire alcuni semplici trucchi per riuscire ad alzare le chiappe dal divano e tornare attivi:

  • Zucchero. Lo zucchero può offrire una bella sferzata di energia al vostro organismo. Provate a bere bibite zuccherate o uno snack dolce. In questo modo aumenterete i livelli di glucosio nel sangue e vi sentirete più dinamici.
  • Caffeina. La caffeina è un'altra sostanza eccitante e stimolante. Sorseggiate una tazza di caffè o tè nero, o un drink analcolico contenente caffeina. In poco tempo dovreste riuscire ad alzarvi e tornare attivi.
  • Provate il CBD. Come citato in precedenza, gran parte dei consumatori di cannabis sperimenta il couch lock dopo aver esagerato con le dosi. È stato osservato che il CBD inibisce i recettori CB1, riducendo gli effetti psicoattivi del THC.
  • Parlate con il vostro budtender. Se avete la fortuna di vivere in un'area del mondo in cui la cannabis può essere venduta legalmente, parlate con il vostro fornitore e fatevi suggerire una varietà con effetti più stimolanti e meno sedativi.
  • Consumate una dose più piccola. Ancora una volta ricordiamo che molte persone sperimentano il couch lock quando sono semplicemente troppo sballate. Pertanto, provate a consumare una quantità minore di ganja. Così facendo gli effetti saranno meno intensi e potrete ridurre il rischio di finire incollati al divano.
  • Accettatelo! A volte l'unico rimedio per superare il couch lock è quello di accettarlo e aspettare che passi. Se le opzioni precedenti non funzionano, non potete far altro che rassegnarvi al couch lock, tenendo sempre a mente che prima o poi i suoi effetti svaniranno. Magari nel frattempo potete guardarvi un bel film. Se la vita ti offre limoni, fai una limonata. Giusto?