Profilo Terpenico: Pinene


Profilo Terpenico: Pinene

Vi siete mai chiesti perché la vostra erba ha un odore così buono? Ebbene, è tutto merito dei terpeni. Questi minuscoli composti (che costituiscono gli oli essenziali della pianta di cannabis) possono conferire alla marijuana aromi di muschio, fragranze dolci e note più o meno aspre.

Il pinene rientra tra questi terpeni e, come probabilmente avrete già intuito, dona alla cannabis quell'aroma rinfrescante e pungente di pino. Ma voi lo sapevate che i terpeni, come appunto il pinene, possono anche influenzare direttamente gli effetti della cannabis?

COS'È IL PINENE?

Il pinene è uno dei principali terpeni della cannabis, ma è anche presente negli oli essenziali di pino, conifere in generale, artemisia, erba canforata e altre piante ancora. Ha proprietà naturali repellenti per gli insetti ed è uno dei terpeni più comuni in natura.

Il pinene è presente in molti oli essenziali, tra cui quelli del rosmarino, delle bucce d'arancia e dell'eucalipto. La maggior parte delle miscele di oli essenziali contiene anche il pinene, soprattutto quelle etichettate con nomi come "foresta". Grazie al suo potente aroma e al fatto che è ampiamente disponibile in natura, potete trovare il pinene in molti prodotti commerciali.

Il pinene viene spesso utilizzato nella produzione di profumi, deodoranti e prodotti per profumare la casa. È anche uno dei principali composti della trementina ed è stato studiato come potenziale biocarburante. Il pinene viene anche usato negli insetticidi.

IL PINENE HA BENEFICI MEDICINALI?

IL PINENE HA BENEFICI MEDICINALI?

I terpeni, esattamente come i cannabinoidi, possono avere diversi effetti benefici sul nostro corpo. La ricerca mostra anche che le differenti proporzioni di terpeni possono essere ciò che dà alle diverse varietà di cannabis i loro caratteristici effetti.

Il pinene è un noto composto antinfiammatorio. Ad esempio, uno studio sull'alfa-pinene pubblicato nel 2015 sulla rivista American Journal of Chinese Medicine ha scoperto che l'alfa-pinene può sopprimere specifici enzimi proteici coinvolti nei processi infiammatori.[1]

Alcuni studi hanno inoltre dimostrato che il pinene può contribuire a migliorare la qualità del sonno. Una ricerca del 2016 pubblicata sul Journal of Molecular Pharmacology ha testato gli effetti del pinene sul comportamento dei topi nelle ore di sonno.[2]

Lo studio ha scoperto che legandosi ai recettori GABAA del cervello (un bersaglio preso di mira da tutti i tipi di farmaci con e senza prescrizione medica), il terpene imitava gli effetti dei sonniferi, come il zolpidem. I ricercatori hanno anche scoperto che il pinene può aiutare ad indurre e migliorare il sonno REM nei topi.

Il pinene si trova anche in alte concentrazioni nel mastice, un estratto prelevato dagli alberi di lentisco (Pistacia lentiscus). Il mastice è spesso usato nell'igiene dentale per combattere carie e gengiviti. È anche un noto agente antibatterico naturale, spesso usato per uccidere i batteri nocivi della bocca responsabili di carie ed alitosi. Siccome il mastice contiene fino ad un 70% di pinene, sembra ragionevole presumere che questo composto sia in gran parte responsabile dei benefici del mastice per la nostra salute orale.[3]

Secondo alcune solide basi di ricerca, il pinene sarebbe anche un potente broncodilatatore.

I broncodilatatori aiutano ad aprire le vie respiratorie nei polmoni, dilatando bronchi e bronchioli. Sono spesso usati per trattare e controllare l'asma.

L'IMPORTANZA DEL PINENE E DEI TERPENI IN GENERALE

L'IMPORTANZA DEL PINENE E DEI TERPENI IN GENERALE

Le proprietà dei singoli composti della cannabis stanno suscitando sempre più interesse e un crescente numero di studi sta valutando come comprenderne meglio gli effetti e le potenziali proprietà medicinali. E nonostante questo aspetto sia molto importante, è altrettanto rilevante capire che gli effetti di questi composti possono variare, soprattutto in presenza di altri cannabinoidi e terpeni.

Questo fenomeno è conosciuto come "effetto entourage" ed è uno dei pilastri per una migliore comprensione della cannabis. Una volta compresi i meccanismi dell'effetto entourage, potremo finalmente andare oltre l'analisi dei singoli composti isolati ed iniziare a concentrarci sulla pianta nel suo insieme.

Alcune fonti sostengono, ad esempio, che il pinene può essere un potente antibiotico ad ampio spettro. Il pinene è particolarmente efficace contro lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), soprattutto in presenza di CBD e CBN.

Lo stesso sito afferma inoltre che l'efficacia del pinene come broncodilatatore migliora in presenza di THC. Tuttavia, a quanto pare le proprietà di allerta del terpene possono annullarsi in presenza di più composti sedativi (come ad esempio il mircene).

Questi sono solo alcuni esempi di come gli effetti del pinene possono entrare in perfetta sinergia con quelli di altri composti della cannabis.

VARIETÀ DI CANNABIS RICCHE IN PINENE

VARIETÀ DI CANNABIS RICCHE IN PINENE

Come probabilmente avrete già intuito, le varietà con gli aromi di pino più rinfrescanti contengono maggiori concentrazioni di pinene. Qui di seguito vi riportiamo un elenco di varietà che tendono a contenere un significativo contenuto di pinene.

  • Jack Herer: La Jack Herer è una potente sativa particolarmente apprezzata per il suo "high" molto stimolante. Grazie ad un considerevole contenuto di pinene, molto più alto rispetto ad altre varietà, vanta aromi pungenti e rigeneranti di pino.
  • Blue Dream: La Blue Dream ha bisogno di una piccola introduzione. Questo ibrido è un grande classico dai deliziosi aromi di frutti di bosco, ma se vi concentrate potreste notare anche quel tipico sentore rinfrescante di pino. Secondo alcuni test di laboratorio, alcuni esemplari di Blue Dream possono contenere altissime concentrazioni di pinene.
  • OG Kush: Con i suoi rinfrescanti aromi di pino e limone, non c'è da meravigliarsi se la OG Kush venga spesso menzionata tra le varietà ricche in pinene. Questo grande classico della West Coast statunitense è diventato uno dei grandi pilastri dell'ibridazione della cannabis, tramandando alle future generazioni il suo contenuto di pinene.
Riferimenti

  1. ^ NCBI, Alpha-Pinene Exhibits Anti-Inflammatory Activity Through the Suppression of MAPKs and the NF-κB Pathway in Mouse Peritoneal Macrophages., recuperate January-16-2019
    Legame
  2. ^ NCBI, α-Pinene, a Major Constituent of Pine Tree Oils, Enhances Non-Rapid Eye Movement Sleep in Mice through GABAA-benzodiazepine Receptors., recuperate January-16-2019
    Legame
  3. ^ Researchgate, Quantitative analysis of α-pinene and β-myrcene in mastic gum oil using FT-Raman spectroscopy, recuperate January-16-2019
    Legame